Lazio -Verona, le pagelle: Caicedo non si arrende, Temeze decisivo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:56
pagelle Lazio Verona Tameze
Adrien Tameze (Getty Images)

All’Olimpico i gialloblù ottengono i tre punti: il primo gol è un’autorete di Lazzari. Poi arrivano le reti di Caicedo e Tameze

La Lazio perde ancora in casa in Serie A. I biancocelesti sono stati battuti dal Verona di Juric. Il gol di Caicedo non è bastato. Decisivi nel Verona Dimarco e Tameze.

Ecco i voti:

LAZIO
Reina 5 – Non può nulla sulla deviazione di Lazzari. Temeze lo supera per il 2-1.
Parolo 5 – Adattato nel ruolo di centrale di destra. Alla fine sfigura anche lui.
Acerbi 6 – Accusa un fastidio muscolare a metà del primo tempo. Dal 27’ Hoedt 6 – Imperioso nel gioco aereo. Imposta il gioco a testa alta.
Radu 4,5 – Bene nelle chiusure. Sbaglia clamorosamente in occasione del 2-1 gialloblù: Salcedo gli sfila il pallone prima del gol di Tameze.
Lazzari 5,5 – Inzaghi gli chiede spesso di puntare l’uomo. Spina nel fianco. Devia nella propria porta un tiro di Dimarco. Dall’81’ Fares s.v.
Milinkovic 5,5 – Perde un paio di palloni di troppo. Nel secondo tempo diventa più pratico, ma è sempre circondato dai centrocampisti del Verona.
Leiva 5 – Interrompe le azioni avversarie nel mezzo. Cala nella ripresa. Escalante 5 – Non si sente e non si vede.
Akpa Akpro 6 – Sostituire Luis Alberto non è un compito facile. Non ha la qualità dello spagnolo, ma sopperisce con la quantità. Dall’81’ Pereira s.v.
Marusic 6 – Attacca e difende. Stantuffo.
Caicedo 7 – Fa a sportellate con la difesa dell’Hellas. Fa salire la squadra. Realizza l’1-1 con una grande giocata. Dal 65’ Correa – Non riesce ad esprimere tutto il suo potenziale.
Immobile 5,5 – Vicino al gol in avvio. La potenza c’è, la mira no.
S. Inzaghi 5 – Deve fare a meno dall’inizio di Patric e Luis Alberto. La sua squadra non è quella delle notti di Champions.

VERONA
Silvestri 6,5 – Sicuro nelle uscite. Compie un paio di interventi prodigiosi.
Faraoni 6,5 – Per lui è una gara speciale: è cresciuto nelle giovanili della Lazio. Si inserisce bene nell’occasione che porta la vol del vantaggio: suo il passaggio per Dimarco.
Magnani 6 – Si limita al compitino. Rimedia un giallo per un gomito alto su Correa.
Dawidowicz 6 – La marcatura su Caicedo non regge, ma i meriti dell’avversario sono tanti in occasione del gol.
Dimarco 6,5 – Da un suo tiro, destinato sul fondo, nasce l’autogol di Lazzari. Fortunato.
Lovato 6,5 – Segue Milinkovic ovunque, tagliando le fonti di gioco biancocelesti.
Veloso 6 – Detta i tempi di gioco nel mezzo. La tecnica c’è.
Salcedo 6,5 – Sfila il pallone a Radu e serve l’assist a Tameze per il 2-1. Dal 76’ Colley 5,5 – Rimedia un cartellino giallo.
Barak 6,5 – Perde un pallone in area, rischiando grosso. Graziato. Si riprende minuto dopo minuto.
Zaccagni 6,5 – Fallisce il possibile 2-0. Prestazione positiva nel complesso. Dall’86 Lazovic s.v.
Temeze 7 – Prova a sorprendere Reina con il tacco, ma non ci riesce. Nella ripresa salta il portiere e infila per il raddoppio. Dal 68’ Favilli 6 – Dà il suo contributo.
All. Juric 6,5 – Festeggia la centesima partita in Serie A con una vittoria.
Arbitro Abisso 6 – La Lazio protesta per un fallo di Faraoni, che ruba palla a Milinkovic nell’azione del gol del vantaggio, e per un intervento di Salcedo su Radu nell’azione del raddoppio. Fiscale nelle ammonizioni.