Barcellona-Juventus, Ronaldo su Messi: “Mai visto come un rivale, per me è un privilegio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:52
ronaldo messi barcellona juventus
Cristiano Ronaldo e Lionel Messi (Getty Images)

Barcellona-Juventus, le dichiarazioni di Cristiano Ronaldo a fine gara sulla partita e sul suo rapporto con Messi

Mattatore nel successo per 3-0 della Juventus a Barcellona, Cristiano Ronaldo, autore di una doppietta su rigore e vincitore del duello in campo su Messi, ha parlato a ‘Sky Sport’ a fine gara. Il portoghese si è soffermato sul match ma anche sul rapporto con il suo grande rivale, l’argentino.

Tutte le news di calciomercato e non solo: CLICCA QUI!

“E’ sempre complicato venire qui a Barcellona, loro sono sempre forti. Noi siamo venuti qui con un’idea di gioco ben precisa, abbiamo fatto i primi 30 minuti in fiducia, abbiamo segnato 2 gol e nel secondo tempo abbiamo consolidato il risultato quando hanno provato a rimontare. Segnare qui ha un sapore speciale, è sempre diverso”, ha ammesso Ronaldo. Il fuoriclasse della Juventus ha poi parlato del rapporto con Messi: “Abbiamo condiviso gli ultimi 12-14 anni della nostra vita. E’ sempre bellissimo affrontarlo, poi la gente parla della rivalità, ma per me è soltanto un grande privilegio. L’ho afffrontato con Manchester, Real e Juve. Io sono felice dei miei gol, che è la fonte di gioia più grande, anche magari farli contro la squadra dove gioca lui”.

Infine il portoghese svela le sue condizioni: “Devo dire che mi sento bene. I gol sono importanti e danno fiducia, ma voglio continuare perché è sempre difficile mantenere alto il livello. Ci sono tante partite, il calendario è fitto e sono felice di aver condiviso questa serata con i miei compagni che stanno facendo un grandissimo lavoro. Siamo sul binario giusto, è questa la cosa più importante”.

Barcellona-Juventus
Barcellona-Juventus (Getty Images)

Barcellona-Juventus, Ronaldo su Messi: “Mai un rivale”. Sul migliore di sempre…

Cristiano Ronaldo ha poi parlato anche a ‘Movistar+’: “Sapevamo che era quasi una missione impossibile venire qui e fare tre gol. Abbiamo giocato bene, la chiave è stato l’approccio. Dopo il 2-0 abbiamo capito che era possibile. Avevamo bisogno di una vittoria così, è una bella iniezione di fiducia, a prescindere che anche per loro nonfosse un buon periodo. Rigore di Araujo? Non so se era rigore, non ho visto la tv ma il calcio è così. A volte ci sono rigori inesistenti, altre volte va diversamente. Non voglio entrare nelle decisioni, il lavoro dell’arbitro è difficile e se l’ha dato è perché ha visto così. Però quando segni tre gol al ‘Camp Nou’ non c’è dubbio che hai meritato”.

Poi ancora su Messi: “Ho sempre avuto una relazione molto cordiale con lui. Abbiamo condiviso 12, 13 o 14 anni di cerimonie e non l’ho mai visto come un rivale. Cerca sempre di fare il meglio per la squadra, come me. Mi sono sempre trova bene con lui e lui risponderebbe la stessa cosa. Nel calcio però si cercano rivalità, io però lo vedo come sempre. Chi è il migliore di sempre? Non entro in queste cose, abbiamo vinto, sono felice e voglio continuare così”.