Milan, la verità di Rangnick: “Per me puntare su Ibrahimovic ha poco senso”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:40
Rangnick
Ralf Rangnick (Getty Images)

Ralf Rangnick, allenatore vicinissimo alla panchina del Milan prima della conferma di Stefano Pioli, ha parlato del suo possibile arrivo in rossonero e della dirigenza del club meneghino

Intervistato ai microfoni de ‘La Gazzetta dello Sport’, Ralf Rangnick, allenatore che sembrava vicino alla panchina del Milan, ha parlato della conferma di Stefano Pioli: “La squadra rossonera è stata la migliore dopo il lockdown. Pioli ha meritato la permanenza per i risultati e per la persona che è. Poi è da vedere se può essere una scelta giusta sul medio e lungo termine“.

Ibrahimovic
Bonaventura Ibrahimovic (Getty Images)

Sui piani del Milan: “Se il Milan dovesse avermi cercato è perché magari cercava una svolta. Non è nel mio stile insistere su giocatori di 38 anni seppur bravi, basti pensare ad Ibrahimovic, ma preferisco lavorare sul talento. Per me ha poco senso puntare su Ibra o Kjaer, ma è la mia idea, nè giusta nè sbagliata. Quando lo svedese ha detto di non conoscermi aveva ragione, non ci siamo mai visti di persona”.

Per le ultime notizie sul calciomercato del campionato italiano di Serie A—> clicca qui!