Calciomercato, fallimento Manchester City: spettro addio per Guardiola

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:54
guardiola city manchester lione
Pep Guardiola (Getty Images)

L’ennesimo flop europeo del Manchester City potrebbe influire pesantemente sul futuro del club e soprattutto di Pep Guardiola

Il Manchester City fallisce nuovamente in Champions League. Al quarto anno con Pep Guardiola in panchina, il club inglese non riesce ad andare ancora una volta oltre i quarti di finale. Il primo anno fuori agli ottavi col Monaco, poi per due stagioni di fila out ai quarti per mano di Liverpool e Tottenham. Stavolta è il Lione, squadra nettamente inferiore ai Citizens, a sorprendere gli uomini del manager spagnolo con un 3-1 incredibile. “In queste partite conta soprattutto la testa”, aveva detto Guardiola alla vigilia. Proprio il ruolo di super favorita è risultato troppo pesante a livello psicologico per il Manchester City, che manca la semifinale da sogno contro il Bayern Monaco.

guardiola manchester city
Pep Guardiola (Getty Images)

Calciomercato Manchester City, delusione Guardiola: ipotesi addio

Dopo gli anni d’oro col Barcellona, Pep Guardiola non è più riuscito ad alzare al cielo la Champions League, né con il Bayern Monaco né con il Manchester City. “Sono quattro anni che ci provo, se non la vinco avrò fallito“, sono state le parole dell’allenatore catalano qualche giorno fa, quasi profetiche. A questo punto non è assurdo pensare che qualche crepa nella testa di Guardiola si sia aperta per quanto riguarda la possibile permanenza all’Etihad. Con tanto di critiche feroci per le scelte di formazioni iniziali da parte del tecnico.

Tutte le news di calciomercato e non solo: CLICCA QUI!

Per il City la Champions sta diventando un tabù, l’ennesima delusione potrebbe portare sia Pep che la società a decisioni a sorpresa che coinvolgano il futuro dell’ex Barcellona e Bayern. Con conseguenti stravolgimenti di calciomercato anche per il resto d’Europa, visto che tornerebbe libero uno degli allenatori più forti degli ultimi anni. E chissà che in casa Juventus, che sia Andrea Agnelli o qualche altro dirigente, non si mangino le mani per aver dovuto affrettare la decisione di scegliere Pirlo.