Calciomercato Inter, Conte chiude: “In Premier con la mia famiglia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:34

L’ex Juventus rimanda al mittente la proposta di Suning, guardando con speranza al progetto Chelsea

CALCIOMERCATO INTER CONTE CHELSEA / L'Inter è pronta a rivelarsi una delle protagoniste del prossimo calciomercato estivo ma, dopo un'annata vissuta con quattro allenatori, da Mancini al Vecchi bis, è tempo di individuare la giusta guida tecnica. 

L'interesse di Suning per Antonio Conte è concreto, avendo l'ex Juventus dimostrato ampiamente le proprie qualità, in Italia e in Inghilterra, ben gestendo anche il gruppo Nazionale, che si è fatto onore agli Europei, per poi crollare soltanto dinanzi alla Germania, ai calci di rigore. Quella dell'allenatore del Chelsea però non pare una pista perseguibile per il calciomercato Inter, non al momento almeno. E' lo stesso Conte a ribadire la voglia di restare in Premier League, intervistato dal 'Corriere della sera': “Mourinho aveva fatto la storia ma ricordo chi aveva dubbi sul fatto che potessi portare il mio metodo qui. Il Chelsea veniva da un decimo posto”.

DOUBLE – “A inizio stagione non ci quotavano neanche tra le prime quattro della Premier, ora invece abbiamo la finale di FA Cup, nella quale però partiamo da sfavoriti. Dopo la Premier vinta infatti potremmo essere sazi, mentre l'Arsenal salverebbe la stagione con una vittoria”.

MOURINHO – “Diverbio? Siamo animali da campo e durante la gara farei di tutto per far vincere i miei. Lì, sul terreno di gioco, la regola è morte tua, vita mia. L'importante però è che ci sia rispetto e che tutto termini alla fine del match”.

Calciomercato Inter, da Abramovich a Suning: il futuro di Conte

Non tutti i tecnici del Chelsea sono riusciti ad avere un rapporto idilliaco con Abramovich: “Mi disse che voleva un'identità per la sua squadra, al primo incontro. Vuole sempre essere coinvolto. Quando abbiamo perso con l'Arsenal è rimasto qui per tre giorni, parlando con me e guardando gli allenamenti”.

FUTURO – “Quest'anno c'era una base di 13-14 buoni giocatori. La rosa dovrà però aumentare in numero e qualità, data la Champions il prossimo anno. La base c'è, mancano le ciliegine. Futuro? Ho due anni di contratto e qui dimostrano d'apprezzarmi. Sei alquanto sereno quando condividono le tue idee e si va di pari passo nella costruzione di un progetto. L'anno prossimo poi la mia famiglia si trasferirà qui. Con mia moglie abbiamo deciso di aspettare i primi sei mesi e poi non volevamo interrompere l'anno scolastico di mia figlia a gennaio”.

Luca Incoronato @_n3ssuno_