Ronaldo torna a Torino: “Lo hanno corteggiato per mesi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:32

Da inizio gennaio CR7 veste la maglia dell’Al-Nassr, squadra dell’Arabia Saudita allenata dall’ex Roma Rudi Garcia

Cristiano Ronaldo torna in Italia. C’è la data: il 19 marzo. L’annuncio è arrivato a Calciomercato.it, nella diretta in onda sul canale Twitch di Tv Play.

Inchiesta Juve: Ronaldo atteso in Italia
Cristiano Ronaldo – calciomercato.it

Ora in Arabia Saudita, all’Al-Nassr, il portoghese riapproderà nel nostro Paese per incontrare i magistrati nell’ambito dell’inchiesta Prisma e a proposito dell’ormai famosa – trovata dagli inquirenti – ‘carta Ronaldo’.

I magistrati lo hanno corteggiati per mesi – ha rivelato il collega di ‘Libero’, Marco Bardesono – non voleva venire inizialmente, poi si è aperto uno spiraglio e l’entourage del giocatore ha fatto sapere che ci sarà a questo incontro. Il 19 marzo arriveranno a Torino per il processo. L’oggetto sarà ovviamente la carta Ronaldo, carta segreta rinvenuta firmata solo dalla controparte e non da CR7″.

Bardesono a Tv Play: “Ronaldo non vuole perdere 20 milioni”

“I magistrati vogliono sapere se lui abbia mai avuto questa carta – ha aggiunto Bardesono a Tv Play – La carta segreta sostanzialmente diceva che il campione, come altri calciatori della Juventus, avrebbero dovuto rinunciare a parte del compenso durante la pandemia, restituita poi sotto forma di premi nelle annate successive”.

Inchiesta Juve: Ronaldo atteso in Italia
Cristiano Ronaldo – calciomercato.it

Quindi Ronaldo si ritrova una differenza di circa 20 milioni di euro rispetto all’incasso previsto, soldi che non vuole perdere – sottolinea Bardesono in conclusione – Il viaggio in Italia servirà sicuramente per parlare con i magistrati e per condizionare i bianconeri per quanto riguarda il debito da saldare”