Breaking News
  • Lo riconoscete?
© Getty Images

Lo riconoscete?

Nuovo viaggio alla scoperta di calciatori dimenticati dal grande pubblico

LO RICONOSCETE CALCIATORI DIMENTICATI / ROMA - La rubrica di Calciomercato.it vi racconta le storie di calciatori che, pur avendo lasciato un segno più o meno profondo nella storia di questo sport, per un motivo o per l'altro sono finiti nel dimenticatoio, lontani dai riflettori degli stadi e dalle luci della ribalta.

Il calciatore di questa puntata è un centrocampista tedesco, che in carriera ha giocato per cinque anni in Italia, finendo persino in Nigeria una volta appesi gli scarpini al chiodo: stiamo parlando di ThomasHaessler.

Figlio della Berlino Ovest, Haessler è considerato in Germania tra i migliori calciatori del suo tempo, avendo trovato numerosi successi con la maglia della Nazionale, sia prima che dopo il crollo del Muro (vinse un Bronzo alle Olimpiadi di Seul, quindi i Mondiali in Italia, e prese parte anche all'Argento nell'Europeo di Svezia 1992 e all'Oro in Euro 1996).
Gran parte delle sue fortune le ha costruite nel Colonia: qui ha esordito nel 1984, raggiungendo l'apice del successo nell'arco di sei stagioni.

Nel 1990 lo preleva la Juventus, fresco di titolo di calciatore tedesco dell'anno: resta a Torino appena una stagione, per poi passare tre anni importanti nella Roma, durante i quali centra per la seconda volta l'ambito riconoscimento nella sua patria, nel 1992.
Chiude l'esperienza italiana con 12 reti e oltre 100 presenze: torna in Germania, sponda Karlsruhe, e dimostra di essere ancora un giocatore di prim'ordine, guadagnando un'Intertoto e, dopo quattro stagioni, nel 1998, la chiamata del Borussia Dortmund.
Haessler è pressoché sempre titolare lungo tutta la sua carriera: nel 1999 sbarca nel Monaco 1860, e nel 2003-04 si ritira dopo una stagione nell'Austria Salisburgo.

E poi? E' rimasto nel mondo del calcio, naturalmente: nel 2006-07 allena la Primavera del Colonia, suo primo amore, per poi cedere alla suggestione di essere allenatore in seconda sia nel suo club che nella Nazionale nigeriana.
Un uomo che ha sempre respirato questo sport, che con qualità e quantità si è saputo imporre nell'arco di quasi trent'anni di carriera.

Articoli Correlati

Notizie   Napoli   Inghilterra
City -Napoli, Sarri: "In Lega inadatti. Servono undici facce di c..."
City -Napoli, Sarri: "In Lega inadatti. Servono undici facce di c..."
Le parole dell'allenatore azzurro prima della sfida Champions
Notizie   Milan  
Milan, 4-3-3 e 3-5-2: qual è il modulo su cui lavorare?
Milan, 4-3-3 e 3-5-2: qual è il modulo su cui lavorare?
Due i sistemi di gioco utilizzati da Montella, entrambi non sembrano aver dato garanzie
Notizie   Lazio  
Lazio, Inzaghi gela gli entusiasmi: "Rosa corta, tutto più difficile"
Lazio, Inzaghi gela gli entusiasmi: "Rosa corta, tutto più difficile"
Il tecnico biancoceleste ha parlato anche di Europa League
Notizie   Inter  
Inter, Moratti: "Credo allo scudetto. Icardi da Triplete"
Inter, Moratti: "Credo allo scudetto. Icardi da Triplete"
L'ex patron nerazzurro ha parlato all'indomani del derby vinto contro il Milan
Notizie   Inter   Milan
Inter-Milan, Spalletti: "Rigore? Non parlo, niente contro Montella"
Inter-Milan, Spalletti: "Rigore? Non parlo, niente contro Montella"
Il tecnico nerazzurro non replica al collega e si gode la vittoria
Notizie   Milan   Inter
Inter-Milan, Montella: "Futuro? Conosco i rischi del mestiere"
Inter-Milan, Montella: "Futuro? Conosco i rischi del mestiere"
Il tecnico rossonero elogia la prestazione dei suoi