Breaking News
  • Campioni ai raggi X: Raul, l'immortale
    © Getty Images

Campioni ai raggi X: Raul, l'immortale

Storia e numeri del cannoniere spagnolo, ora in forza allo Schalke 04...

CAMPIONI RAGGI X RAUL / ROMA - Raúl González Blanco è il giocatore con più presenze (144) e più gol (71) nella storia della Champions League.
Attualmente in forza allo Schalke 04, è anche il miglior marcatore delle competizioni UEFA per club, vantando la bellezza di 74 reti.
Considerando il suo recente passato con il Real Madrid, Raul può vantare un palmares ricco di trofei: con le ‘merengues’ ha vinto per tre volte la Champions League, due volte la Coppa Intercontinentale, quattro Supercoppe di Spagna, una Supercoppa Uefa e ben sei campionati nazionali.

CARATTERISTICHE TECNICHE -  Giocatore dotato di un grande carisma, Raul è in grado di ricoprire tutti i ruoli offensivi.
Avendo un ottimo senso del gol, riesce ad essere letale sotto porta.
Il piede preferito è il mancino, che gli permette di essere pericoloso sia dalla breve che dalla lunga distanza.
Molto corretto nel gioco, non è mai stato espulso nell’arco della sua carriera.
Pur non essendo un gigante, gode di un buon colpo di testa.

CARRIERA – Dopo aver trascorso un anno nelle fila giovanili dell’Atletico Madrid, squadra di cui era tifoso il padre, Raul si trasferisce al Real, nella squadra dei giovani, dove impressiona ancora una volta per le sue ottime doti e per il rendimento.
Date le straordinarie prestazioni, Jorge Valdano, allenatore dei ‘blancos’, decide di farlo esordire in prima squadra ad appena 17 anni e il giovane campione ripaga la fiducia del mister con un gol.
Divenuto tassello inamovibile anche del Real dei ‘galacticos’, lo spagnolo diviene capitano e leader di quella squadra stellare.
Diviene il giocatore con più presenze (741) e il miglior marcatore nella storia del club madrileno con 323 reti.
Nella Liga è il calciatore in attività con più presenze (550), più gol (228) e più assist (83).
Inserito da Pelé nella FIFA 100, ha conquistato il titolo di 'Pichichi', trofeo riservato ai vincitori della classifica cannonieri dal giornale ‘Marca’, nel 1999 e nel 2001, anno in cui è arrivato secondo nella classifica del Pallone d'oro e terzo in quella del FIFA World Player.
Dopo ben 18 anni passati al Real Madrid, tra giovanili e prima squadra, Raul annuncia il suo addio e nel 2010 passa allo Schalke 04.
Il bilancio in terra teutonica è più che positivo: in due anni totalizza 24 reti in 55 partite e vince sia la Coppa di Germania che la Supercoppa.

NAZIONALE - Raul ha esordito nella Nazionale maggiore spagnola a Praga nel 1996, a 19 anni, contro la Rep.
Ceca (0-0) in una partita valida per le qualificazioni ai Mondiali 1998.
Ha disputato da protagonista i Mondiali del 2002 e del 2006.

 

 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)