Breaking News
  • Milan, ESCLUSIVO Galli: "Pioli l'uomo giusto. Giampaolo paga colpe non sue"
    © Getty Images
Esclusivo

Milan, ESCLUSIVO Galli: "Pioli l'uomo giusto. Giampaolo paga colpe non sue"

L'ex portiere rossonero, intervistato da Calciomercato.it, ha parlato del cambio di allenatore ma anche di Conte e Sarri

MILAN PIOLI GIAMPAOLO MALDINI CONTE SARRI/ Da Pioli a Sarri, passando per Giampaolo, Maldini e Conte. Questi ed altri i temi contenuti nell'intervista rilasciata in esclusiva a  Calciomercato.it da Giovanni Galli, ex portiere di Fiorentina, Milan e Napoli e della Nazionale.

Il MIlan ha presentato Pioli. E' l'allenatore giusto per risollevare le sorti rossonere?

"Pioli è una persona seria, equilibrata, conosce il calcio, è un allenatore che sa entrare in un gruppo e sa farsi volere bene dai suoi giocatori. In questo momento è l'uomo giusto per cambiare la rotta. Anche all'Inter trovò una situazione difficile e fece bene, poi fu mandato via perchè il club aveva altre idee. Ha fatto un buon lavoro anche alla Lazio e alla Fiorentina. In quest'ultimo caso fu delegittimato ingiustamente dalla società". 

Il Milan può ambire ad un posto in Champions League? 

"In questo momento no. Ora però i giocatori non hanno più alibi, davanti a tutti ci deve essere l'allenatore. Se entreranno in quest'ordine di idee, il Milan potrà anche lottare per la zona Champions". 

Ma è stato giusto mandare via Giampaolo dopo sole sette giornate?

"Mi dispiace molto perchè ritengo che sia un bravissimo allenatore, preparato, con un carriera importante e lo stimo anche umanamnete. Riguardo all'esperienza al Milan, lui ha dovuto pagare una vicenda legata a quattro team che hanno preparato questa squadra. Prima c'erano giocatori che appartenevano all'era Galliani, poi altri a Mirabelli e Fassone, quindi a Leonardo e infine a Maldini e Boban, quindi è logico che ci potessero essere delle difficoltà.

L'unico appunto che faccio al tecnico è di non essere riuscito a dare un'identità alla squadra ma, ripeto, paga per colpe non sue". 

Ma secondo te Giampaolo era un allenatore da Milan?

"Non si deve fare l'errore di legare il nome al grande Milan, che appartiene al passato. La storia di oggi è completamente diversa e credo si dovesse ripartire con un'idea nuova. Giampaolo mi sembrava il tecnico adatto, sinceramente non pensavo che il progetto fosse a breve scadenza".

Maldini che ha scelto Giampaolo non ha colpe? 

"Paolo è un grande conoscitore di calcio e una persona seria. Se mai avesse commesso errori, potrebbero anche servire per il futuro, ma con i presupposti d'inizio stagione, secondo me non ha sbagliato a scegliere Giampaolo".

Cosa ti ha detto Inter-Juventus?

"La Juventus sta cambiando rispetto alle idee di Sarri, l'Inter resta una buonissima squadra".

Riguardo alla lotta scudetto,  l'Inter può vincerlo?

"Per la rosa che ha, ma soprattutto per la guida tecnica, l'Inter credo sia l'anti-Juve".

Sarri sta pian piano trasferendo le sue idee ai giocatori...

"Sarri lo conosco benissimo, lo portai a Verona. Lui non ha paura di cambiare e adattarsi ai giocatori per sfruttare meglio le loro caratteristiche".

Quindi Napoli fuori dalla lotta per il titolo?

"Sembra non sia una squadra convinta dei propri mezzi. Ho paura che dopo aver sfiorato lo scudetto proprio con Sarri, i giocatori credano di aver perso il treno giusto e che l'occasione non possa capitare di nuovo". 

Come vedi il progetto Fiorentina targato Commisso?

"Siamo solo all'inizio. Al momento stanno facendo bene, mi auguro che il futuro sia roseo. Però bisogna stare tranquilli ed evitare di passare dall'euforia alla depressione, quando arriveranno i momenti difficili".  

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)