Breaking News
  • Torino-Parma, furia Mazzarri nel post partita: che 'minaccia' alla squadra!
    © Getty Images

Torino-Parma, furia Mazzarri nel post partita: che 'minaccia' alla squadra!

L'allenatore granata ha parlato al termine della partita

TORINO-PARMA MAZZARRI / L'allenatore del Torino Walter Mazzarri ha parlato al termine della partita persa contro il Parma 1-2.

Clicca qua e resta aggiornato su tutte le news sul campionato di Serie A e non solo.

Queste le parole dell'allenatore granata ai microfoni di 'Sky' al termine dell'anticipo del sabato in Serie A: "Oggi nel calcio moderno bisogna stare concentrati in fase difensiva, quando si va a fare pressing, bisogna andare tutti insieme. Ho sbagliato anche io in settimana, dovevo far capire meglio il pericolo. Non siamo ancora maturi. Dobbiamo rifletterci. Il Parma ha fatto una grande partita, sembrava fossero il doppio di noi. Se ci divertiamo, poi, a regalare il gol iniziale poi... Era successo anche col Napoli e con la Fiorentina, non può essere causale.

Io parlo di 14 titolari, nel calcio moderno bisogna correre e c'è bisogno di cambi. Oggi, a parte Parigini che ha dato tutto per quel poco che ha iniziato, i cambi non hanno risposto come altre volte. Non voglio far nomi ma i cambi son quelli... Facevamo di tutto per non crossare, oggi sembravamo sconclusionati. Ci serva da lezione a tutti. Episodio dubbio su De Silvestri? Lasciamo perdere, ci sono le immagini, ci sarebbe il Var, lasciamo perdere per favore! Quando stavamo, 1-2? Quando giochiamo come oggi non voglio attenuanti, il Parma ha meritato di vincere, poi magari l'episodio ci poteva far pareggiare o vincere, ma dobbiamo pensare a noi. Oggi volevo vedere se eravamo maturi, se riuscivamo a mantenere la stessa cattiveria della partita contro la Sampdoria. Sono molto arrabbiato, la sosta sarà più pesante e più lunga del normale! Ci sono rimasto male per l'atteggiamento. Nel secondo tempo avremmo potuto rimediare, se sei lucido e stai bene con la testa si può recuperare ma è andato tutto storto".

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)