Breaking News
  • Juventus, ESCLUSIVO Tacchinardi: "Ronaldo chiude il cerchio iniziato in Serie B"
    © Getty Images
  • Juventus, ESCLUSIVO Tacchinardi: "Ronaldo chiude il cerchio iniziato in Serie B"
    © Getty Images
Esclusivo

Juventus, ESCLUSIVO Tacchinardi: "Ronaldo chiude il cerchio iniziato in Serie B"

L'ex centrocampista bianconero ha raccontato a Calciomercato.it il suo punto di vista sull'arrivo di CR7 alla Juve

TACCHINARDI CRISTIANO RONALDO JUVENTUS /  Alessio Tacchinardi, ex centrocampista della Juventus, ha espresso in una intervista esclusiva a Calciomercato.it il suo punto divista sull'acquisto più importante degli ultimi venti anni della Serie A, quello di Cristiano Ronaldo. Con un occhio puntato alla Champions League e all'effetto domino che l'affare CR7 può portare al nostro campionato.

È fatta, Cristiano Ronaldo è arrivato…

"Prima di tutto è un colpo pazzesco. Penso sia la chiusura del cerchio perfetta. È un percorso lungo che la Juventus  ha iniziato ripartendo dalla Serie B fino ad oggi, ricompattandosi giorno dopo giorno. Mattone sopra mattone la società è riuscita a ricostruire la sua immagine e una rosa sempre adeguata arrivando a prendere Ronaldo a quelle condizioni, con tutta la forza economica che ne consegue".

Troppa l'euforia per Ronaldo?

"Oramai la Juve è nell'olimpo delle migliori 4-5 al mondo. Ronaldo è Ronaldo, tutti sanno che quando arriva un giocatore che è molto di più di un semplice calciatore non si può che essere contenti, compagni di squadra e tifosi compresi. Per i giocatori della Juve sarà solo un piacere poter lavorare e giocare con uno come lui. Si raggiungerà una crescita importante. Con questo acquisto incredibile, non possono esserci controindicazioni. Inoltre non penso che adesso i giocatori chiederanno di più alla società per raggiungere lo stipendio di un fenomeno come lui".

Come riparte la Juventus con Ronaldo in squadra?

"Dopo la vittoria sofferta dello scorso campionato ho la sensazione che Allegri abbia chiesto alla società giocatori nuovi e affamati, per aprire così un ciclo diverso. La Juve sa che per primeggiare sempre deve avere calciatori con gli stimoli al top ed è bravissima a far questo. Cerca gente che ha fame, disposta a  mangiarsi l'erba, e pronta a dimostrare le sue capacità. Ronaldo darà sicuramente magia all'ambiente e quell'ulteriore entusiasmo di cui c'è sempre bisogno, ma anche l'arrivo di Emre Can e Cancelo, calciatori di spessore, sarà di  grande aiuto. Perché per quanto fenomenale possa essere un giocatore non vince da solo".

La Champions League prima era un pallino fisso, ora diventerà un obbligo?

"Capisco il dispiacere per non riuscire a vincerla ma l'ambiente e soprattutto i tifosi, sanno che la squadra negli ultimi anni è stata competitiva, arrivando più lontano possibile. Di solito poi in Champions non vince sempre la stessa, quello che ha fatto il Real credo sia stato un caso più unico che raro.

Ognuna delle squadre più forti ha quindi dalla sua la possibilità di provare a vincerla quest'anno. La Juve non deve sentirsi sottopressione, con gli acquisti e l'immagine che ha raggiunto è al pari delle altre".

Pressione?

"Uno giocatore che va alla Juventus noterà subito che c'è ogni giorno una pressione forte, in particolare nei confronti di questa coppa, ma sarà una bella pressione, una pressione positiva indirizzata verso obiettivi importanti. Il prossimo anno sulla linea di partenza della Champions League ci saranno 4 o 5 squadre in prima fila e superiori rispetto alle altre: la Juventus è una di queste. Detto ciò la Champions è la Champions, è importante giocarla ma è un’incognita. La vinci o la perdi, oppure puoi uscire per via di un episodio o di un arbitro. Mi auguro che nei prossimi cinque anni una la possa vincere, certo anche cinque su cinque ma ci sono anche le altre squadre da tenere presenti. Non sarà facile".

Serie A, Tacchinardi a Calciomercato.it: "Inter può insidiare Juve. Napoli e Roma no"

Quanto l'arrivo di Ronaldo può incrementare il trasferimento di altri giocatori del suo calibro in Serie A?

"Lo vedremo più avanti con il tempo. Dà sicuramente un'altra immagine al nostro calcio, tutti inizieranno a guardarci con occhi diversi questo sì ma l'arrivo di altri campioni è un altro tipo di discorso".

Cosa intende?

"Bisogna spendere dei soldi. Penso che in futuro i giocatori potranno arrivare nel nostro campionato solo se verranno pagati parecchio e non per via di Cristiano. Purtroppo le cifre di oggi sono troppo alte per la Serie A. Forse giusto l'Inter è l'unica società ad avere determinate possibilità. Ha venduto tanti giovani e oggi ha un buon tesoretto da poter sfruttare".

Ora il gap tra la Juve e le altre grandi del campionato è davvero incolmabile?

"Il Napoli ha perso tanto, magari è una mia sensazione e mi sbaglio. Sono curioso di vedere il lavoro di un grande allenatore come Ancelotti, però o comprano oppure faranno davvero fatica. Anche la Roma non penso sia a certi livelli. Ha bravi ragazzi e bravi giocatori che seguiranno le idee dell’allenatore ma non li vedo così forti. L’Inter invece mi sembra una squadra più attrezzata e completa in ogni reparto. Quella che può cercare di insidiare il dominio juventino. Mi auguro però che ci sia una crescita in tutto il campionato. Più voglia di cercare spettacolo che tatticismo. Per far sì che anche al di fuori si innamorino della nostra Serie A".

Pronostico Mondiale?

"Il livello è talmente equilibrato, non si deve sbagliare niente altrimenti vieni castigato. Francia-Croazia? Se dovessi scommettere sulla vittoria di una squadra non saprei quale scegliere. Avrei detto Brasile all'inizio, ma è andato a casa. Però non faccio neanche il tifo per nessuna".

Calciomercato.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici qui

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)