Breaking News
  • Roma-Juventus, Allegri 'stoccata' a Sarri: "Se alleni le grandi devi vincere"
    © Getty Images

Roma-Juventus, Allegri 'stoccata' a Sarri: "Se alleni le grandi devi vincere"

Le parole dell'allenatore bianconero prima della sfida che potrebbe assegnare matematicamente lo Scudetto

ROMA JUVENTUS CONFERENZA ALLEGRI / E' qui la festa, anche se ci sarà poi il bis a Torino tra una settimana: Roma-Juventus potrebbe assegnare in maniera matematica lo scudetto ai bianconeri, così come potrebbe significare qualificazione in Champions per i giallorossi. Alla Juventus manca un punticino, anzi conti alla mano neanche questi: ci sarà comunque spazio per scudetto e futuro nella conferenza stampa di Allegri. Calciomercato.it seguirà per voi le parole dell'allenatore toscano.

GARA DIVERTENTE - "E' sempre Roma-Juventus, lo stadio sarà pieno: loro si giocano la Champions e noi lo Scudetto. Ai ragazzo l'ho detto: se vogliono una settimana di vacanza devono conquistare lo scudetto domani, altrimenti si lavora fino al Verona". 

DE LAURENTIIS - "Non rispondo perché lui è presidente e può dire ciò che vuole. Credo che nel calcio ci vuole equilibrio per iniziare un cammino di civilizzazione di tutto l'ambiente. Noi siamo responsabili di cosa succede fuori: allenatori, giocatori sono responsabili di milioni di bambini che praticano lo sport. E così tutte le altre istituzioni. Questo è un passo importante che dobbiamo fare, altrimenti parliamo ma facciamo poco e questo è sbagliato per il Paese". 

SENSAZIONI - "Ho cercato di recuperare la voce, sono ko da un mese. Ora vado al mare e mi risistemo. Prima di parlare della stagione aspettiamo domani e poi sabato, anzi speriamo venerdì. Ora si può parlare della coppa Italia: è stata la quarta coppa Italia vinta con merito, in una partita dove per 55' minuti c'è stato equilibrio. Non dimentichiamo che non abbiamo subito gol nelle cinque partite di coppa Italia ed era successo solo al Torino nel 42-43. Sono contento di quello che hanno fatto: hanno conqusitato il primo trofeo, hanno regalato una serata meravigliosa a loro, ai tifosi, alla società. Ora c'è da vincere lo Scudetto: l'ho detto ai ragazzi, una settimana in più di vacanza non sarebbe male". 

MERITI - "Passiamo alla prossima, la settimana prossima ci divertiremo un po' di più". 

HIGUAIN - "Giocherà insieme  Dybala. E' stato in panchina in finale perché poteva essere un cambio molto importante.

Gonzalo è stato determinante nelle due partite chiave della stagione: a Napoli, quando eravamo sotto di quattro punti, e a Milano che ha fatto il gol vittoria". 

FORMAZIONE - "Buffon non gioca, gioca Szczesny. Douglas Costa dovrò valutare. Howedes e Chiellini sono fuori, Cuadrado è squalificato, gli altri ci sono. C'è entusiasmo, si gioca contro una squadra che ha fatto una grandissima Champions, forte fisicamente e ben allenata". 

DI FRANCESCO - "Non era semplice dopo Spalletti e dopo un'annata importante come quella dell'anno scorso. Credo che abbia dimostrato il suo valore: è tra gli allenatori giovani più bravi in circolazione". 

GOL FATTI - "Giocare bene o male è relativo: è difficile unire giocare bene con i risultati. La stagione è fatta di momenti, episodi, gestione della squadra, gestione del singolo. Bisogna lavorare in funzione del risultato, ma questo non significa giocare male. Tutti vorrebbero giocare bene, ma c'è da usare al meglio le qualità dei propri. Quando alleni una grande squadra devi vincere". 

Roma-Juventus, da Allegri complimenti al Napoli

SECONDE SQUADRE - "Sono assolutamente favorevole perché è un punto di partenza per far crescere i giocatori italiani giovani. In Italia di giocatori itliani ce ne sono ancora, vanno fatti crescere e giocare: le seconde squadre sono una bellissima cosa. Va strutturato il tutto per fr sì che SErie B e C siano sempre bei cmpionati". 

CROLLO NAPOLI - "Non è scomparso. La Juventus ha avuto la bravura di rimanere calma dopo il Napoli. Resta una grande stagione degli azzurri, può battere il record di punti. I tre anni di Sarri sono andati in crescendo, con un gioco bello: è una squadra piacevole da vedere giocare. Quest'anno sono migliorati in alcune cose, hanno vinto partite che lo scorso anno non avrebbero vinto. Loro credo sono soddisfatti poi hanno trovato una Juventus che ha fatto numeri importanti. Al momento a loro c'è da fargli i complimenti". 

MANCINI CT - "Ha vinto molto sia in Italia che fuori, credo che sia l'uomo giusto. Ma il ct non deve risolvere tutti i problemi. Ci sono altre cose da fare, il ct da solo non può risolvere tutto. Occorrono decisioni per il futuro. La Nazionale dal lontano '70 ha sempre fatto risultati, quest'anno non si è qualificata ai Mondiali. Ma finora ha sempre avuto buoni risultati: il problema non è la Nazionale, ma trovare soluzioni per far sì che il mondo del calcio torni quello di una volta. Serve passione, bisogna riavvicinare i ragazzini allo sport". 

MANDZUKIC - "Quando entra un disastro: quindi o gioca dall'inizio o sta in panchina per tutta la partita. Ultimamente lo vedo più sorridente, forse si avvicina il Mondiale". 

 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)