Breaking News
  • Torino-Milan è Belotti-Gattuso: storie incrociate da Palermo a Milano
    © Getty Images

Torino-Milan è Belotti-Gattuso: storie incrociate da Palermo a Milano

Il tecnico rossonero e l'attaccante granata protagonisti della sfida di domani

TORINO MILAN GATTUSO BELOTTI - La prima vera chance da allenatore arriva, per Gennaro Gattuso, a Palermo. Correva l'estate del 2013 e dall'Albinoleffe il colpo per l'attacco rosanero si chiamava Andrea Belotti. 'Il Gallo', capace in quella stagione di alzare la cresta ben 10 volte in Serie B e di sfruttare il 'Renzo Barbera' come la più classica rampa di lancio verso il calcio che conta. Per Ringhio, invece, una vera e propria disfatta: sei panchine, nove punti e l'esonero del 'mangia-allenatori' Zamparini a stroncare sul nascere, almeno apparentemente, una carriera da tecnico finita poi per passare da Creta e Pisa in situazioni societarie a dir poco precarie.

Dal 2013 al 2017, da un'estate all’altra. Per Rino la grande opportunità di tornare a Milanello passando per la porticina della Primavera: un passo indietro, considerando la categoria (non la società), ma fatto con la consapevolezza di poter arrivare un giorno a cavalcare l'onda importante della guida del vero Milan.

All'ombra della Mole, invece, un mix di documenti, dichiarazioni, offerte e corteggiamenti. Proprio per Andrea Belotti, reduce da 26 gol e 8 assist in stagione. Cairo fissa il prezzo: 100 milioni. Mirabelli pensa, tratta e sogna il colpo senza riuscire a trasformarlo in realtà.

Calciomercato Milan, Gattuso elogia Belotti

Oggi Belotti sarebbe potuto essere quell'attaccante da tanti gol che servirebbe a Gattuso, pensando a lui in forma fisica ottimale e senza gli acciacchi avuti di recente. Domani, invece, i due saranno avversari e sarà proprio Ringhio a cercare di mettere a freno la voglia di doppia cifra del Gallo. Un attaccante, dice Gattuso, "che mi ha sorpreso di più dopo Shevchenko. E' completo, un ragazzo per bene che ho sempre apprezzato molto". Parole che fanno il paio con i fischi a Kalinic a ridosso di un finale di stagione al termine del quale partirà, per il Milan, un calciomercato snello ma mirato, con l'attacco sicuramente protagonista. E Gattuso il suo segnale a Mirabelli e Cairo l'ha già mandato.

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)