Breaking News
  • Liga, top e flop della 32a giornata: Isco e la legge dell'ex
    © Getty Images

Liga, top e flop della 32a giornata: Isco e la legge dell'ex

I migliori e i peggiori in Spagna: Adrian ancora decisivo, follia Ben Yedder

LIGA TOP FLOP /  Il Barcellona si invola verso la vittoria in campionato. Grazie ai gol di Suarez e Umtiti i catalani superano il Valencia e consolidano la vetta. Atletico Madrid e Real Madrid però non mollano la presa. I 'Colchoneros' vincono 3-0 in casa contro il Levante, mentre i 'Blancos' espugnano il campo del retrocesso Malaga. Nell'anticipo del sabato bel 2-2 tra Siviglia e Villarreal, mentre in zona salvezza ci crede ancora il Deportivo La Coruna di Seedorf, che espugna Bilbao e si porta a -5 dal Levante con ancora sei giornate da giocare.

Liga, ecco i top e flop della 32a giornata

I TOP:

CORREA (Atletico Madrid): Elettrico e scattante, dribbling e qualità, l'argentino fa la differenza nella sfida contro il Levante. Segna il gol che apre le marcature e regala l'assist a Torres per la terza rete biancorossa. 

ISCO (Real Madrid): La legge del grande ex.

Senza Cristiano Ronaldo è lui a prendere per mano la squadra, proprio contro il club in cui è cresciuto e che l'ha lanciato nel grande calcio. Prima un gol con una punzione magistrale, poi offre a Casemiro il più facile degli assist. 

ADRIAN (Deportivo La Coruna): Due gol in quindici minuti che indirizzano subito la partita nelle mani dei galiziani. Decisivo come contro il Malaga. Peccato che debba uscire durante l'intervallo per via di un problema muscolare.

I FLOP:

GABRIEL PAULISTA (Valencia): Due errori che costano caro. In entrambe le reti del Barcellona c'è il suo zampino. Sul gol di Suarez sbaglia l'intervento in scivolata, su quello di Umtiti si fa invece anticipare dal centrale francese. 

CABACO (Levante): Lascia troppi spazi agli attaccanti avversari, spazi che Correa riesce a sfruttare alla perfezione. Ogni volta che viene puntato va in costante difficoltà. Giornata no.

BEN YEDDER (Siviglia): Una follia in piena regola. Entra a partita in corso per Muriel e dopo solo otto minuti rimedia due cartellini gialli nel giro di pochi secondi. Il primo per proteste e l'altro per aver applaudito il direttore di gara. Scellerato.

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)