Breaking News
  • Inter-Bologna, Donadoni contro Valeri: "Si vede chiaramente"
    © Getty Images

Inter-Bologna, Donadoni contro Valeri: "Si vede chiaramente"

Il tecnico rossoblu contesta la direzione arbitrale

INTER BOLOGNA DONADONI / Dopo Inter-Bologna Roberto Donadoni ha parlato a 'Premium Sport' e si è soffermato soprattutto sulla direzione di gara di Valeri: "C'è dispiacere per non essere riusciti a portare a casa il risultato. Potevamo anche agguantare il risultato per un pizzico non ce l'abbiamo fatta. Bisogna essere più incisivi e non commettere l'ingenuità di regalare due calciatori agli avversari. Valeri? Non conta nulla, l'arbitro interpreta e decidono come megliono credono. Il volume aumenta, questo è pacifico. Non mi sembra che sia attaccato al corpo. Il mio giudizio cambia poco, lo si vede chiaramente. Se si dice che quello è un braccio attaccato al corpo, dico di no. Non è un braccio dietro al corpo, come spesso fanno i difensori.

Troppo vicino? Però se il braccio ce l'ha dietro non la tocca. Il difensore ha il tempo per metterlo dietro il braccio oppure no? Facciamo che tutte le volte che la palla tocca il braccio in area di rigore è rigore. Altrimenti diventa sempre e solo interpretazione. Accetto l'interpretazione dell'arbitro ma la mia è diversa. Ma sono rammaricato anche per la scelta dei cartellini: Mbaye è stato provocato, mentre quelli dell'Inter sono stati salvaguardati". 

DESTRO - "L'esempio di Palacio? Gli esempi ci sono sempre in tutti i settore e vanno imitati, studiati, capiti e compresi. La cosa triste è che abbiamo fatto una partita che ce la siamo giocata e ora avremo tre calciatori fuori. Ora tutti devono cercare di tirare fuori qualcosa in più e prendere esempio da calciatori come Palacio". 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)