Breaking News
  • Sampdoria-Verona, Pecchia: "Serve un ambiente diverso"
    © Getty Images

Sampdoria-Verona, Pecchia: "Serve un ambiente diverso"

Il tecnico degli scaligeri ha aggiunto: "Il lavoro è sotto gli occhi di tutti, ho ottenuto risultati importanti e abbiamo fatto crescere calciatori"

SAMPDORIA VERONA PECCHIA / Dopo la sconfitta interna con la Roma, il Verona è chiamata alla difficile trasferta contro la Sampdoria. "Per me, quello che viviamo, è una grande palestra", ha esordito il tecnico Fabio Pecchia in conferenza stampa dove ha aggiunto: "Per me rappresenta una crescita, abbiamo ottenuto risultati e la promozione diretta. Dal punto di vista è uno spunto, una sfida con me stesso e non con i tifosi. Lavorare così fa crescere i calciatori e la squadra, è una palestra per tutti. Serve un ambiente diverso per raggiungere obiettivi importanti, altrimenti si va sempre controvento. Stiamo giocando il nostro campionato, potremmo avere 3-4 punti in più ma non certamente 15-20. Siamo lì a giocarcela, l'obiettivo è quello di mantenere la categoria".

"Nessuno vuole creare alibi - ha continuato Pecchia - non l'abbiamo fatto e non voglio. Il presidente è stato chiaro nella lettera, la Società vuole puntare sui giovani e l'obiettivo stagionale era chiaro. Siamo una neopromossa, magari raggiungendo l'obiettivo alla penultima giornata o all'ultima. Ho vissuto in ambienti caldi, dove la tensione si taglia a fette. Non voglio andare oltre, ma la situazione è molto chiara. Io e il Direttore siamo i responsabili, noi costruiamo: se qualcuno vuole aiutarci a costruire, bene. Io ho commesso errori, ma è normale nel nostro lavoro.

Il lavoro è sotto gli occhi di tutti, ho ottenuto risultati importanti e abbiamo fatto crescere calciatori. Valoti, 15 mesi fa, non lo voleva un club di B. Idem Zuculini, Bessa, Boldor. Abbiamo valorizzato calciatori, ottenendo risultati. Il lavoro è sotto gli occhi di tutti, non voglio avere consenso ma bisogna avere quello dei miei ragazzi e quello della Società. Posso fare altri esempi, come Romulo. L'obiettivo è quello della salvezza, bisogna essere fieri se dovesse essere raggiunto. Non siamo a venti punti dalla salvezza, si parla di sconfitte ma bisogna essere uniti. Per me è più semplice abbandonare in questa situazione di pressione, per me invece è una grande palestra. Ne esco rinforzato, la Società lavora da anni ed è solida, ai calciatori non manca nulla, lavoriamo in un ambiente da piccola squadra ma ciò che c'è intorno e da squadra di livello".

Infine, sul possibile intervento sul mercato degli svincolati, ha concluso: "Non so, neanche ne voglio parlare. La Società sta lavorando in una certa direzione, ma non voglio calciatori fuori lista. L'unico è Bianchetti, ma per motivi diversi. Ho 4 elementi per due posti a centrocampo, non ci sono problem. Se Verona s'è rinforzato o indebolito sul mercato? Lo vedremo, vedo un gruppo che ha voglia di lottare per questa causa. Quindi, c'è voglia di combattere e stare insieme per raggiungere questo obiettivo. La squadra è pronta per il rush finale".

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)