Breaking News
  • Inter, che fine ha fatto... Suazo
© Getty Images

Inter, che fine ha fatto... Suazo

Nuovo appuntamento con la rubrica di Calciomercato.it sugli ex giocatori nerazzurri

INTER SUAZO / Torna su Calciomercato.it la rubrica 'Che fine ha fatto?', che ha come scopo quello di riportare all'attenzione dei tifosi interisti e non solo i giocatori che in passato hanno indossato la maglia nerazzurra finendo poi nel dimenticatoio. Le news Inter di oggi ci portano a parlare di David Suazo.

Inter, Suazo il 'capriccio' di Mancini

Approda all'Inter nel giugno 2007 al termine di un'aspra contesa col Milan. I rossoneri annunciano l'acquisto sul proprio sito ufficale dopo aver trovato un accordo col Cagliari e dopo che lo stesso Suazo aveva già effettuato le visite mediche per conto dei nerazzurri. Alla fine la volontà dell'honduregno fa prevalere l'Inter che se lo aggiudica per circa 13 milioni di euro. L'allora 28enne era un precisa richiesta 'capriccio' di Mancini volta in teoria ad aumentare le possibilità offensive della sua squadra. Suazo era un attaccante rapido e col fiuto del gol, 102 quelli messi a segno negli otto anni di permanenza in Sardegna.

All'Inter, però, delude non riuscendo a calarsi appieno nella parte dell'alternativa che doveva essere sempre o quasi determinante ogni qualvolta veniva gettata in campo. Il primo anno in nerazzurro, che termina con la conquista dello Scudetto al 'Tardini' di Parma, segna comunque 8 gol nelle 27 presenze complessive. L'addio di Mancini e l'arrivo di Mourinho mettono temporaneamente fine all'avventura con la 'Beneamata': Suazo viene infatti ceduto in prestito al Benfica dove anche a causa di qualche guaio fisico colleziona 21 presenze e 5 gol. Si rivede a Milano per riandarsene nel gennaio 2010, in prestito al Genoa. In rossoblù segna all'esordio proprio contro il Milan, vittorioso per 5-2. Torna ancora una volta a disposizione dell'Inter, con cui - dopo un anno ai margini e alle prese con un grave infortunio - si lascia definitivamente al termine della stagione 2010/2011 dopo aver disputato 41 partite e siglato 8 reti. A luglio 2011 salta il ritorno al Cagliari quando sembrava tutto fatto e per motivi ancora poco chiari. Un mese più tardi passa al Catania con cui disputa solo 6 partite chiudendo una pù che buona carriera. Nel 2014 torna finalmente in Sardegna, nello staff tecnico del Cagliari. Nel 2016/2017 ha guidato gli under 17 A-B del club rossoblù.

 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)