Breaking News
  • Napoli, quanto fanno male le coppe a Sarri!
    © Getty Images

Napoli, quanto fanno male le coppe a Sarri!

Gli azzurri salutano ancora una volta troppo presto un'altra competizione

NAPOLI COPPA ITALIA CHAMPIONS SARRI / Una eliminazione, la seconda dell’anno, che fa male al Napoli di Maurizio Sarri. Gli azzurri salutano la Coppa Italia, ancora una volta costretti a fermarsi solo ai quarti di finale della competizione. Stavolta, però, a fermare il Napoli ci ha pensato un’Atalanta arcigna e bene organizzata, capace di svelare al massimo i limiti della squadra napoletana nelle Coppe. Per il terzo anno di fila, infatti, il Napoli mette a nudo l’incapacità di fare bene nelle competizioni più brevi, quelle ad eliminazione diretta o tra andata e ritorno.

Il crollo è doppio: anche in Champions, infatti, i ragazzi di Sarri hanno fatto male, collezionando solo 6 punti, il bottino peggiore nella storia del club azzurro nella massima competizione europea, bastato solo al passaggio in Europa League.

Napoli, Coppe disastrose per Sarri: ora c’è l’obbligo scudetto

Una triste abitudine per Sarri. Nel suo primo anno di panchina azzurra, infatti, il tecnico aveva dovuto salutare la Coppa Italia proprio ai quarti di finale, ma contro l’Inter. Una eliminazione che aveva fatto il paio con quella di Europa League: dopo un girone da mattatori, gli azzurri avevano salutato la competizione già ai sedicesimi contro il Villarreal. Un anno fa, sempre una spagnola, il Real Madrid, aveva estromesso il Napoli dalla Champions agli ottavi, dopo un girone da primi in graduatoria. In Coppa Italia, però, nessun risultato: in semifinale la Juventus aveva fatto fuori gli azzurri tra andata e ritorno, quasi corsari pure al San Paolo. Con un calciomercato ormai aperto, dunque, il Napoli può correre ai ripari: le seconde linee non regalano grandi chance a Sarri e ad una squadra che ora ha l’obbligo di arrivare fino in fondo in campionato, sperando di poter contendere il tricolore alla Juventus anche sul rettilineo finale della competizione. 

Gennaro Arpaia 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)