Breaking News
  • Sassuolo, l'addio di Cannavaro: "Lascio casa. Cina grandissimo salto"
    © Getty Images

Sassuolo, l'addio di Cannavaro: "Lascio casa. Cina grandissimo salto"

L'ormai ex difensore si ricongiungerà al fratello diventando un collaboratore tecnico del Guangzhou

SASSUOLO CANNAVARO CONFERENZA ADDIO CALCIO / Dopo venti anni di carriera, Paolo Cannavaro lascia il calcio giocato. Il suo futuro sarà ricongiungersi al fratello Fabio in Cina: "Io volevo lasciare un segno sul campo, ma anche fuori", ha esordito l'ormai ex difensore del Sassuolo nella sua conferenza di addio: "La mia ambizione - ha proseguito - era troppo forte, per questo ringrazio il presidente Squinzi, oltre che a Carnevali, perché mi sta dando un'opportunità che a metà stagione non è semplice concedere. Qui c'è il fattore umano, in altri club non c'è. Quello che senti qui, il calore dei dirigenti, dello staff... è un'alchimia fantastica. Io lascio casa, in questo momento". 

CINA - "La società è il Guangzhou, la città sarà una novità, sono stato in Cina due volte ma solo per tournée estive. Mi sono preparato nell'ultimo periodo, prima ero troppo concentrato per fare bene qui fino all'ultimo giorno. Anno nuovo vita nuova, per me, non ho potuto preparare granché. Sapere di smettere ma fare qualcosa che mi tiene impegnato è un privilegio.

La lingua? Il cinese sarà difficile da imparare, ci accontenteremo dell'inglese. Sarà un salto grandissimo, vedremo".

NUOVO RUOLO - "Sarà quello di assistere Fabio a 360° come collaboratore tecnico. Poi posso allenare le riserve, quelli che giocano un po' meno durante il campionato, sarà una full immersion per il sottoscritto. Le domeniche? Sarà una sensazione strana, non mi mancherà il campo perché è una scelta mia. Sicuramente il vivere i miei compagni".

SOSTITUTO - "Intanto è stato acquistato Goldaniga che, in queste tre partite, è stato molto affidabile. Più che concentrarmi sui nuovi darei fiducia a quelli che ci sono già".

DI FRANCESCO - "È uno di quelli che mi han fatto accendere la lampadina per voler fare l'allenatore. Sabato sarà il mio addio, non ci sarà una partita".

MOMENTO PIU' BELLO - "La salvezza, quando sono arrivato. Pensare di salvarsi con una giornata di anticipo non era assolutamente semplice. Quello meno bello è stata l'eliminazione dall'Europa League, per tanti infortuni abbiamo visto la nostra squadra decimata. Scudetto? Ho una sola speranza, sapete qual è".

 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)