Breaking News
  • Palermo, ESCLUSIVO Giardina: "Decisivo Tedino. Due colpi a gennaio"
Esclusivo
© Getty Images

Palermo, ESCLUSIVO Giardina: "Decisivo Tedino. Due colpi a gennaio"

Il giornalista del 'Giornale di Sicilia' è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.it

PALERMO ESCLUSIVA GIARDINA - Continua la marcia in vetta alla classifica del Palermo nel campionato di Serie B. Dopo la sfavillante prestazione nello scontro diretto in casa del Bari, la formazione di Tedino torna ad esultare anche al 'Renzo Barbera' grazie all'1-0 di sabato sulla Ternana firmato da Rispoli. Un successo che tra le mura amiche mancava dallo scorso 28 ottobre e che consente ai siciliani di provare la prima vera 'fuga' nel torneo cadetto. Al primato in campo, però, fa da contraltare la delicata situazione societaria con le richieste di fallimento e insolvenza da parte del Tribunale nei confronti del patron Zamparini.

Per analizzare il momento del Palermo abbiamo intervistato in esclusiva Benedetto Giardina, giornalista del 'Giornale di Sicilia', che segue quotidianamente le vicende della compagine rosanero: "Il maggior merito di Tedino è quello di aver compattato la squadra. Questo era un gruppo completamente spaccato un anno fa: c'erano i clan, tanti calciatori non legavano tra di loro nello spogliatoio. Tedino sta incidendo tanto, fin dal ritiro estivo ha lavorato per cementare il gruppo e i risultati adesso si stanno vedendo. La mannaia giudiziaria, poi, non ha fatto altro che compattare ulteriormente la squadra, che non è minimamente influenzata da quello che succede all'esterno come dimostrano le prestazioni in campo e le dichiarazioni dei giocatori - ha sottolineato Giardina alla nostra redazione - I valori e la bontà del lavoro di Tedino di partita in partita stanno venendo fuori, con il tecnico rosanero che sta ottimizzando al meglio le risorse a sua disposizione nonostante anche i molteplici infortuni che hanno afflitto in questi mesi il Palermo. La strada intrapresa è quella giusta e, dopo l’exploit di Bari, l'1-0 con la Ternana è un risultato pesante in chiave promozione".

Palermo, dal calciomercato alle vicende societarie: l'analisi in esclusiva di Giardina

In particolare due giocatori hanno 'colpito' finora Giardina in questa prima parte di stagione del Palermo: "Tra i nuovi acquisti quello che mia ha impressionato di più è sicuramente Dawidowicz. Veniva da esperienze difficili, ma è un talento vero: è un classe ’95, lo ha preso il Benfica e un club come quello portoghese non dà fiducia a ragazzini a caso.

Finora aveva avuto difficoltà ad esprimersi, ha sempre giocato da difensore, poi Tedino lo ha spostato più avanti ed è diventato uno dei centrocampisti tra i più forti della Serie B, se non il migliore del torneo cadetto. In particolare nella difficile trasferta di Bari, con tante assenze in mediana, ha messo in mostra tutte quelle che sono le sue qualità. Tra i senatori invece, dopo il ritorno dall’esperienza al Carpi, sono rimasto sorpreso da Struna: con un tale rendimento, a Palermo, non lo avevamo mai visto".

Giardina poi analizza la spinosa vicenda societaria che sta scuotendo nelle ultime settimane l'ambiente e il popolo rosanero: "Abbiamo di fronte due posizioni completamente diverse, evidentemente il Palermo sta portando avanti una condizione di totale innocenza e di assoluta regolarità dei conti, mentre la Procura è altrettanto convinta dell'insolvenza della società. Questo ha portato il giudice a nominare un collegio terzo per una perizia super partes e avere così un giudizio quanto più corretto e imparziale possibile. La verità è che ad oggi è impossibile farsi una vera idea perché vedi i dirigenti, i legali e il presidente del Palermo che sono totalmente sereni, dall'altro lato invece c'è la Procura che alle controperizie risponde attraverso controdeduzioni: quindi, evidentemente, anche la Procura ha i suoi motivi per pensare che il Palermo sia insolvente. La parola fine? A febbraio, considerando che si dovranno aspettare 70 giorni per tutto quello che riguarda il lavoro dei consulenti terzi nominati dal Tribunale. Serviranno almeno due mesi per potere avere una risposta definitiva sul futuro del Palermo".

Gennaio si avvicina e, nonostante le difficoltà economiche, il Ds Lupo e Zamparini potrebbero intervenire sul calciomercato per puntellare la rosa a disposizione di mister Tedino: "Serve un attaccante e un laterale di centrocampo. In avanti forse ne potrebbero arrivare anche due, visto che Monachello probabilmente andrà via. Sugli esterni il Palermo sta faticando tanto: se Rispoli e Aleesami prendono un raffreddore, Tedino è messo male: serve assolutamente un'alternativa per la panchina, considerando che Morganella rischia seriamente di saltare tutta la stagione a causa del grave infortunio al ginocchio. E anche Rolando, molto stimato dal tecnico, continua ad essere vittima di problemi fisici. Due nomi? Per l'attacco dico Di Carmine, che si sta confermando su ottimi livelli al Perugia. Mentre per la fascia è difficile fare previsioni visto che la dirigenza e Zamparini guardano molto all'estero. Nestorovski? Ha rinnovato da poco, le richieste per lui non mancano, però mi sorprenderei di vederlo con un'altra maglia dopo la finestra invernale. Lui vuole fortissimamente riportare il Palermo in Serie A e almeno fino a giugno non si muoverà".

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)