Breaking News
  • Milan, no Uefa al Voluntary Agreement: gli scenari futuri
© Getty Images

Milan, no Uefa al Voluntary Agreement: gli scenari futuri

L'ufficialità è attesa per domani ma ormai sembrano esserci davvero pochi dubbi. Ecco succede al calciomercato

MILAN UEFA VOLUNTARY AGREEMENT CALCIOMERCATO DONNARUMMA / Sono giorni complicati quelli che sta vivendo il Milan. Dentro e fuori dal campo non arrivano buone notizie. Tutto il mondo rossonero stamani si è svegliato con una notizia che purtroppo era nell'aria già da tempo: la Uefa boccerà la richiesta di Voluntary Agreement del Milan. L'ufficialità è attesa per domani ma ormai tutto sembra praticamente deciso. L'ottimismo che c'era qualche giorno fa è scomparso e ne sono una testimonianza le parole di Marco Fassone, Ad del Milan, che ha commentato la notizia prima di entrare negli uffici della Lega Calcio. Senza il voluntary agreement, che avrebbe permesso al club di non pagare sanzioni per la violazione del fair play finanziario dei precedenti tre anni, il club meneghino sarà costretto a passare al settlement agreement, come accaduto a Roma e Inter, scontando così delle sanzioni da parte della Uefa. La strada di crescita del Milan si fa adesso ancora più complicata e ad avere delle ripercussioni sarà certamente la squadra, che potrebbe dover dire addio ad alcuni prezzi pregiati durante i prossimi calciomercato.
 

Milan, dal voluntary al settlement agreement: sanzioni in arrivo

La Uefa avrebbe deciso di bocciare la richiesta di voluntary agreement. Malauguratamente per il club rossonero non è bastato il lavoro portato avanti nell'ultimo periodo dall'Amministratore Delegato, Marco Fassone, per convincere la Uefa. La decisione ufficiale arriverà quasi certamente domani ma sembrano davvero esserci pochi dubbi. Il programma di rientro stilato dalla società rossonera non sembra aver convinto gli organi di Nyon. A pesare, come una spada di Damocle, sulla testa del Milan c'è inoltre il debito con Elliott, che al momento non è ancora stato rifinanziato. Anche se l'accordo con il fondo Highbridge sembra davvero a buon punto. Adesso dunque il Milan dovrà passare dal settlement agreement. Le sanzioni o/e le limitazioni per il club non sono ancora note ma si può ipotizzare degli 'obblighi' sul calciomercato, come accaduto ai nerazzurri, che hanno dovuto chiudere l'ultimo bilancio con una perdita non superiore ai 30 milioni di euro. Qualcosa di simile potrebbe accadere anche ai rossoneri. Non è escluso inoltre, che in caso di qualificazione a una competizione europea non ci siano delle limitazioni alla rosa.
 

Calciomercato Milan, da Donnarumma a Romagnoli: ecco il 'sacrificio' per la UEFA

Il settlement agreement avrà delle ripercussioni sulle prossime sessioni di calciomercato Milan. Spendere come l'ultima estate sarà praticamente impossibile. La Uefa terrà d'occhio il club e le cessioni di uno dei big della rosa sembra praticamente inevitabile. Senza gli introiti della Champions League, inoltre, potrebbero essere anche più di uno. Il futuro di Gianluigi Donnarumma, accostato negli ultimi giorni con insistenza al Real Madrid, pare ormai scritto. Mino Raiola difficilmente vorrà tenere il suo gioiello in questo Milan. La cessione del portierone campano sarà tutta plusvalenza, essendo cresciuto nel vivaio del club. Non è chiaro se Donnarumma andrà via per 70 milioni di euro o per meno ma saranno comunque tanti soldi. Soldi che potrebbero entrare anche con la cessione di Kalinic, che continua a piacere in Cina (difficilmente però partirà a gennaio) ma anche in Inghilterra. Suso, poi, non ha mai nascosto il desiderio di tornare in Spagna ma piace anche al Tottenham. La sua clausola è di 40 milioni di euro.

Nonostante un avvio di stagione difficile sono molti i calciatori che continuano a piacere. Romagnoli è da tempo nel mirino della Juventus e per Bonucci c'è sempre la fila all'estero, con Real Madrid e Barcellona in testa. Se si volesse fare un ulteriore sacrificio non sarebbe complicato piazzare a ottimo prezzo AndréSilva. L'attaccante gode di ottima stima e le abilità del suo agente Mendes sono ben note. Il futuro del Milan si è fatto parecchio nebuloso ma non tutto è perso e il campo potrebbe dare una mano. Gattuso è chiamato a non disperdere il valore della propria rosa e magari centrare un posto in Europa. Il mondo Milan adesso è aggrappato ad un unico sogno, davvero complicato, quello di centrare la Champions League, attraverso la vittoria dell'Europa League. Oggi sembra davvero impossibile ma fra qualche mese tutto potrebbe cambiare.

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)