Breaking News
  • 'Biscotti' mondiali, da Perù-Colombia ad Austria-Germania
© Getty Images

'Biscotti' mondiali, da Perù-Colombia ad Austria-Germania

Quante partite sospette legate alla Coppa del Mondo, ci ha provato anche il Paraguay

MONDIALI BISCOTTO PERU COLOMBIA AUSTRIA GERMANIA / L'episodio di martedì notte tra Perù e Colombia, con le parole di Falcao a Tapia riportate anche da Calciomercato.it e il sostanziale non gioco negli ultimi cinque minuti di gara, non è certo il primo (e non sarà l'ultimo) episodio di 'biscotto' mondiale. Nel corso della storia della Coppa del Mondo e delle sue qualificazioni, sono tanti i match che hanno creato più di un sospetto. Curioso come sempre il Perù sia protagonista di un altra gara, per molti truccata. Nel Mondiale 1978 in Argentina, i padroni di casa batterono 6-0 gli andini, guidati in porta da un argentino naturalizzato, Ramon Quiroga. La 'Seleccion' doveva vincere con quattro reti di scarto per approdare in finale. Le indagini su quella partita non si sono mai fermate e alcuni peruviani in campo dichiareranno anni dopo che la gara venne comprata dai militari argentini. Imbarazzante invece quello che accadde tra Germania Ovest ed Austria nel Mondiale 1982 nel 'patto di non belligeranza di Gijon'. Ai tedeschi basta un 1-0 per passare il girone, risultato che sta bene anche agli austriaci, che si qualificherebbero come secondi. Hrubesch segna al 10', poi è possesso palla fino al 90': entrambe qualificate e Algeria a casa per peggior differenza reti. Anche il Brasile si è concesso un regalo nella propria storia: a beneficiarne è la Norvegia, che nel 1998 ribalta il risultato negli ultimi sette minuti e si qualifica come seconda del girone ai danni del Marocco.

'Biscotti' mondiali, altre accuse dal Sudamerica 

Come accaduto tra Perù e Colombia, anche altre gare delle qualificazioni per i Mondiali sono state accusate di combine. Persino i galantuomini inglesi sono stati protagonisti. Era l'ultima gara di qualificazione alla Coppa del Mondo 1986. Inghilterra già qualificata che letteralmente regala all'Irlanda del Nord il pass per i Mondiali con uno 0-0 a Wembley. Se però il 'biscotto' tra Perù e Colombia è andato a buon fine, meno si può dire per il tentativo del Paraguay. L'accusa arriva dal tecnico del Venezuela, Rafael Dudamel. "Ho visto comportamenti molto gravi. Sono arrivate molte chiamate e il nostro hotel era pieno di donne avvenenti che hanno cercato di sedurre i giocatori - ha denunciato - Certi stratagemmi sono sempre esistiti, ma forse qualcuno non si è reso conto che il calcio è cambiato e che questa squadra è fatta di professionisti seri". 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)