Breaking News
© Getty Images

Serie A, Ranieri: "La Juve è più di una squadra. Nazionale? Mai dire mai"

L'allenatore del Leicester ha parlato della Premier League e del campionato italiano

SERIE A INTERVISTA CLAUDIO RANIERI A RADIO 1 RAI / ROMA - L'allenatore del Leicester Claudio Ranieri ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di 'Radio 1 Rai'.
Calciomercato.it vi riporta i passaggi salienti dell'intervista sulle ultime news Serie A, Premier League e Nazionale.

LEICESTER CAMPIONE IN CARICA - "E' un anno difficile perché siamo tornati coi piedi per terra dopo un anno incredibile.
L'anno scorso avevamo la funivia, quest'anno partiamo dal campo base.
Quest'anno dobbiamo dimostrare su tutti i campi di essere campioni, ma non va bene pensare di potersela giocare alla pari contro tutti.
Siamo nella media, mi aspettavo una partenza difficile.
In Champions siamo partiti bene, sarebbe bellissimo arrivare alla fase a eliminazione diretta.
Non siamo al livello degli altri, ma non so dire dove possiamo arrivare in Europa.
C'è un'osmosi continua tra me e Leicester e questo scambio fa sì che stiamo facendo bene".

TOTTI - "Gestire Totti è di una semplicità estrema, è complicato gestire tutto l'intorno.
Totti ha accettato un impiego 'alla Altafini' e fa la differenza.
Io glielo dicevo che avrebbe potuto giocare anche a 40 anni, è un atleta unico.
Se uno è un campione, è perché sa gestirsi".

ROMA-INTER - "E' stata una partita bellssima, anche se i tifosi di Roma e Inter avranno patito molto.
E' stato un match senza esclusione di colpi, 'alla inglese'.
C'erano delle deficienze tattiche, ma hanno fatto bene i giocatori.
De Boer sta facendo un buon lavoro".

SERIE A - "La Juventus sta rispondendo a quello che tutti pensavamo sulla carta.
Non è solo una squadra, è un club.
I bianconeri stanno facendo un lavoro eccellente e va dato merito di questo alla società".

NAZIONALE - "Spero che il rapporto con il Leicester duri a lungo.
L'esperienza con la Grecia non è che mi sia piaciuta molto.
Capisco Conte quando diceva 'non posso allenare'.
Nonostante quell'esperienza non positiva, mai dire mai".

IL CHELSEA - "Sta ritornando ai suoi splendori, l'anno scorso hanno pagato loro lo stress di essere campioni in carica.
Conte sta lavorando come un pazzo, sta facendo un ottimo lavoro.
Sono convinto che Abramovich vedrà i frutti di questo lavoro, quest'anno o magari il prossimo".

S.D.

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)

    Serie A  
    Serie A, Dybala traccia la strada: le seconde punte diventano bomber
    Serie A, Dybala traccia la strada: le seconde punte diventano bomber
    Dalla Joya a Callejon, passando per Perisic e Ljajic: è la loro rivincita. Mai così determinanti
    Serie A   Napoli  
    Napoli, Mertens: "Vinciamo per Milik. Maradona? Ho tanto rispetto"
    Napoli, Mertens: "Vinciamo per Milik. Maradona? Ho tanto rispetto"
    Il folletto belga ha parlato del momento che sta vivendo e dei prossimi impegni che lo aspettano
    Serie A  
    Serie A, 6a giornata: la classifica senza VAR
    Serie A, 6a giornata: la classifica senza VAR
    Come cambia la graduatoria senza l'ausilio della moviola in campo
    Serie A   Milan  
    Milan, Montella accetta le critiche: "Giusto esternarle"
    Milan, Montella accetta le critiche: "Giusto esternarle"
    Il tecnico rossonero parla del confronto con società e giocatori
    Serie A  
    La Moviola di CM.IT: Milan, nessun caso Zapata. Fiorentina furiosa...
    La Moviola di CM.IT: Milan, nessun caso Zapata. Fiorentina furiosa...
    I VIOLA CHIEDONO INVANO DUE RIGORI PER GLI INTERVENTI SU ASTORI E GIL DIAS
    Serie A   Sampdoria   Milan
    Serie A, Sampdoria-Milan 2-0: zampata-Zapata. Gioisce Giampaolo
    Serie A, Sampdoria-Milan 2-0: zampata-Zapata. Gioisce Giampaolo
    L'attaccante dei liguri colpisce su errore dell'omonimo rossonero. Alvarez conclude la festa con il raddoppio
    Serie A   Torino   Juventus
    Juventus-Torino, Mihajlovic amaro: "Chiedo scusa ai tifosi"
    Juventus-Torino, Mihajlovic amaro: "Chiedo scusa ai tifosi"
    Il tecnico granata: "Avevamo preparato la gara in maniera diversa"