Breaking News
  • Milan-Torino, Niang: "Calci presi? Se l'arbitro fischia..."
© Getty Images

Milan-Torino, Niang: "Calci presi? Se l'arbitro fischia..."

L'attaccante rossonero all'intervallo del match di San Siro

MILAN TORINO NIANG / MILANO - All'intervallo del primo tempo di Milan-Torino, Niang ha commentato il match a 'Premium Sport': "Dobbiamo riconquistare i tifosi che hanno ragione. Stiamo facendo bene ma manca ancora un tempo per vincere questa partita.
Calci presi? Fa parte del gioco: basta che arbitro fischia, io non dico niente.
Sono stati ammoniti, quindi significa che il direttore di gara li ha visti". 

B.D.S.

Articoli Correlati

Mercato   Milan  
Calciomercato Milan, sacrificio Donnarumma: PSG in agguato
Calciomercato Milan, sacrificio Donnarumma: PSG in agguato
Senza l'accesso in Champions, i rossoneri potrebbero essere costretti a vendere qualche big
Mercato   Milan  
Calciomercato Milan, Mirabelli e l'incontro con Petkovic: "È grave"
Calciomercato Milan, Mirabelli e l'incontro con Petkovic: "È grave"
Il direttore sportivo rossonero su Instagram risponde alle voci su un possibile incontro con il ct della Svizzera
Mercato   Milan  
Calciomercato Milan, niente Champions? Due 'big' via in estate
Calciomercato Milan, niente Champions? Due 'big' via in estate
In caso di mancata qualificazione in Champions League può partire anche Suso
Mercato   Torino   Milan
Calciomercato Torino, sprint Belotti: accordo a un passo
Calciomercato Torino, sprint Belotti: accordo a un passo
Nuovo contratto in arrivo per il 'Gallo', con ingaggio quasi raddoppiato
Mercato   Milan  
Calciomercato Milan, 'assist' Puma per il grande colpo?
Calciomercato Milan, 'assist' Puma per il grande colpo?
L'attuale partner della Nazionale, legato a calciatori come Aguero, Fabregas e Reus, potrebbe legarsi al club rossonero a partire dall'estate
Mercato   Milan   Torino
Calciomercato Milan, Belotti rossonero? Pressing... e scuse!
Calciomercato Milan, Belotti rossonero? Pressing... e scuse!
L'ad Fassone si è scusato col Torino per le dichiarazioni del ds Mirabelli