Breaking News
  • Napoli, Maradona: "Tornare? Vorrei, ma è difficile. Ora sto bene a Dubai"
© Getty Images

Napoli, Maradona: "Tornare? Vorrei, ma è difficile. Ora sto bene a Dubai"

Il 'Pibe de Oro' si sofferma anche sul suo impegno con la Fifa al fianco di Infantino

. p>NAPOLI MARADONA FIFA INFANTINO / PARIGI (Francia) - Tra ricordi e futuro, amore per il Napoli e politica.
Diego Armando Maradona si concede ai microfoni di 'Sky' e racconta: "Tornare al Napoli in qualche ruolo? Adesso ho un lavoro che mi mi piace a Dubai.
Sono ambasciatore dello sport lì a Dubai, sto benissimo, la gente mi rispetta molto.
Dubai è una città fantastica.
Adesso abbiamo un progetto con Infantino che ho incontrato oggi, mi è sembrata una persona trasparente che dice le cose in faccia.
Abbiamo parlato quasi un'ora e un quarto e siamo rimasti che ci rivedremo presto dopo la mia vacanza in Argentina per cominciare a lavorare per questo calcio che ogni giorno la gente segue meno.
Ci sono tanti problemi, è stato fatto un buco grandissimo rubando soldi tra Blatter e compagnia.
Per questo mi è piaciuto molto Infantino, perché vuole farla pagare a chi ha fatto male al calcio.
E non ha fatto male solo alla Fifa, ma anche alla gente.
L'Italia mi manca tanto, mi sono abituato a vivere a Napoli, ma poi ogni volta che tornavo mi cacciavano via.
Tutti i problemi però non si comparano con l'amore dei napoletani verso di me ed il mio rispetto verso i napoletani".

Siparietto poi con Costacurta e Vialli ospiti in studio: "Costacurta è un signore.
Era forte come dovrebbero essere tutti i giocatori che giocano nel suo ruolo.
Se uno nel posto di Billy vuole che giochi un giocatore che non sappia difendere la squadra, sbaglia.
Lo rispetto molto ed è stato un signore.
Vialli? Ti ho sempre detto che saresti stato un grande, sei una grandissima persona.
Voglio vederti per abbracciarti e per ringraziarti per tutto quello che hai fatto aiutandomi quando sono venuto in Italia.
Spero che con il lavoro che facciamo adesso con la Fifa anche Billy e Gianluca vengano con noi perché abbiamo bisogno che la palla sia pulita, non come hanno fatto fino ad ora".

La chiusura, inevitabilmente, è ancora per Napoli ed i napoletani: "Amo Napoli, mi piacerebbe tornare un giorno, però è difficile.
Sai, la burocrazia, la politica è più forte dell'amore per il pallone.
Però questo a me sta bene perché l'amore con i napoletani e le cose che ho vissuto io con i napoletani non lo può mettere in dubbio nessun politico".

L.P.

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)