Breaking News
© Getty Images

Diritti tv, Berlusconi contro l'Antitrust: "Sentenza ingiusta"

Marina, figlia del cavaliere e presidente di Fininvest, ha commentato la decisione presa dall'Autorità

DIRITTI TV MULTA ANTITRUST MARINA BERLUSCONI / MILANO - Dopo il comunicato di ieri di 'Mediaset', oggi arrivano anche le parole di Marina Berlusconi, presidente di Fininvest, contro la decisione dell'Antitrust di multare le pay tv, la Lega e Infront sulla spartizione dei diritti tv: "Trovo incredibile e ingiustamente punitivo il loro provvedimentonei confronti di un'azienda che ha avuto il coraggio di investire, che ha creato valore, che ha rotto un monopolio creando un'alternativa per il pubblico e i tifosi", ha spiegato al suo arrivo all'assemblea degli azionisti di Mondadori. "Credo che anche l'operazione con Vivendi - ha aggiunto riferendosi allo scambio azionario tra Mediaset ed il gruppo francese con l'annessa cessione di Premium - sia la dimostrazione più concreta del valore che Mediaset è stata in grado di creare partendo da zero".
Queste le sue parole riportate da 'repubblica.it'.

D.G.

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)

    Altro   Inter   Napoli
    Forbes, è il Real Madrid il club di maggior valore. Juventus e Milan nella top ten
    Altro   Juventus   Parma
    Calciopoli, Tavecchio: "Richiesta risarcimento della Juventus è una lite temeraria"
    Calciopoli, Tavecchio: "Richiesta risarcimento della Juventus è una lite temeraria"
    Il presidente della FIGC ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni
    Altro   Roma   Chievo Verona
    PRONOSTICI SCOMMESSE: gol e spettacolo in Bundesliga, Premier e Liga. Roma e Juventus vincenti!
    PRONOSTICI SCOMMESSE: gol e spettacolo in Bundesliga, Premier e Liga. Roma e Juventus vincenti!
    Usufruisci subito dell'incredibile Bonus di Eurobet: 100% dell'importo scommesso fino a 100 euro!
    Altro   Lazio  
    Calcioscommesse, Mauri: "Il mio nome fa comodo ai giornali"
    Calcioscommesse, Mauri: "Il mio nome fa comodo ai giornali"
    Il capitano della Lazio torna a parlare delle indagini della Procura di Cremona