Breaking News
© Getty Images

Inter, Ronaldo: "Insultato da una minoranza. Volevo tornare, ma scelsero Adriano"

Il brasiliano "Per lo Scudetto tifo Napoli: potrei mai dire Juve?"

NEWS INTER RONALDO MOURINHO MORATTI / MILANO - Sabato sera c'era anche Ronaldo in tribuna a 'San Siro' nel match vinto 3-1 dall'Inter sulla Sampdoria.
Per lui, a differenza che per Mourinho, non c'è stato però alcun benvenuto da parte dei tifosi nerazzurri: di questo e di tutte le altre news Inter ha parlato il 'Fenomeno' sulla 'Gazzetta dello Sport'.


ACCOGLIENZA - "Non mi aspettavo niente, non mi ero chiesto 'cosa succederà?' e soprattutto non ero venuto a 'San Siro' per vedere cosa sarebbe successo, ma solo perché mi andava di rientrare in quello stadio.
Quelli che mi hanno insultato sabato sera per me sono una minoranza.
E comunque non posso avercela più di tanto con chi non sa la verità, o ha fatto finta di non capirla.
Io nel 2007 volevo tornare all'Inter e a Branca lo dissi chiaramente.
Lui disse che doveva parlare con Moratti, mi tennero in ballo più di una settimana perché il mio ritorno dipendeva dalla partenza di Adriano.
E alla fine scelsero Adriano".

MILAN - "A Madrid non potevo più stare, Milano l'ho sempre avuta, e continuo ad averla, nel cuore: mi piace troppo, mi piace tutto.
E soprattutto: il Milan mi cercò sul calciomercato con tutte le forze e il no dell'Inter mi ferì".

MORATTI - "Ognuno in questi casi è convinto di avere ragione e in fondo capisco anche le ragioni di Moratti: per questo alla fine bisogna perdonarsi.
Io ci credevo forte, pensavo che avrebbe scelto me e non Cuper, e invece fu più forte Cuper".

AMBASCIATORE - "Mi sembra un'idea un po' astratta.
Anche perché l'ambasciatore interista l'ho sempre fatto, anche in questi giorni, senza impegni contrattuali.
E comunque ci sono tanti modi possibili per riallacciare un rapporto con l'Inter, al di là dell'affetto".

INTER - "Per il tanto che mi avevano detto, pensavo ad una squadra molto più in difficoltà: al di là dei tre gol non ha rischiato nulla, ha vinto da squadra superiore.
Anche se era diventata una partita difficile, e la squadra poteva sentire troppo la tensione: è stato bravo Mancini a fargliela vivere nel modo giusto.
Mi hanno impressionato Miranda, Biabiany, Eder e Icardi.
Il difensore mi ha colpito per la personalità: credo sia un uomo importate per e dentro lo spogliatoio.
Il francese mi ricorda il 'mio' Moriero, ma molto più veloce.
E detto da centravanti, mi sembra che Eder sia il compagno ideale per Icardi, perché lavora tanto per lui e per la squadra".

TOTTI - "Credo che ognuno di noi abbia saputo e sappia qual è il momento giusto per farsi delle domande e nel caso per dire basta.
Ricordo perfettamente quando per me arrivò quel momento".

SCUDETTO - "Mi piacerebbe tanto dire Inter ma, per come si sono messe le cose, mi sa che è più facile pronosticare una qualificazione alla Champions League.
Almeno per quest'anno.
Napoli o Juventus? Tifo Napoli: secondo lei potrei mai dire Juve?".

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)

    Notizie   Inter  
    Inter-Genoa, Spalletti: "Voglio lasciare una traccia"
    Inter-Genoa, Spalletti: "Voglio lasciare una traccia"
    Le dichiarazioni della vigilia del tecnico nerazzurro
    Notizie   Inter  
    Inter, l'annuncio di Moratti sul ritorno in società
    Inter, l'annuncio di Moratti sul ritorno in società
    L'ex presidente spiega che non ha intenzione di acquistare le quote in possesso di Thohir
    Notizie   Inter   Bologna
    Bologna-Inter, probabili formazioni e dove vederla in TV
    Bologna-Inter, probabili formazioni e dove vederla in TV
    Nerazzurri a caccia della vetta solitaria ma Donadoni non vorrà un 'Napoli bis'
    Notizie   Inter   Crotone
    Crotone-Inter, Spalletti: "Grande personalità. La linguaccia..."
    Crotone-Inter, Spalletti: "Grande personalità. La linguaccia..."
    Nel dopo gara l'analisi dell'allenatore nerazzzurro
    Notizie   Inter  
    Inter, Curva attacca i giocatori: "Non meritano niente. E Icardi..."
    Notizie   Inter  
    Inter, Spalletti: "Acquisti giusti, ma la Juve è davanti"
    Inter, Spalletti: "Acquisti giusti, ma la Juve è davanti"
    Il tecnico nerazzurro pronto per la ripresa del campionato
    Notizie   Inter  
    Inter, Skriniar: "Scudetto? Vediamo a marzo". Poi si paragona a Neymar
    Inter, Skriniar: "Scudetto? Vediamo a marzo". Poi si paragona a Neymar
    Il difensore slovacco: "Mi ha scelto Spalletti, voglio sfruttare l'opportunità"