Breaking News
© Getty Images

Inter, la Juventus ti manda in crisi: Eder e il derby per ripartire

La squadra di Roberto Mancini, dopo il ko di ieri, si gioca tantissimo in questi giorni, tra calciomercato e Milan

INTER CRISI MANCINI MERCATO DERBY SCONFITTA JUVENTUS/ ROMA - Sembrano davvero lontani i tempi in cui l'Inter era in testa alla SerieA.
La squadra di Roberto Mancini dopo il successo contro l'Empoli dello scorso sei gennaio, quando ancora guardava tutti dall'alto, non ha più saputo vincere, fatta eccezione del 2-0 inflitto al Napoli in Coppa Italia.
Le news Inter in campionato parlano infatti di due pareggi, contro Atalanta e Carpi, e di una sconfitta interna contro il Sassuolo.
Ieri, poi, è arrivato il pesante ko nella semifinale contro la 'Vecchia Signora'.
La Juventus di Massimiliano Allegri, con un perentorio 3-0, ha certificato il momento di crisi del''Inter, chiamata adesso a rialzarsi per non gettare via una stagione: il calciomercato e una vittoria contro il Milan sembrano gli antidoti giusti.

 

L’INTER NON SA PIU’ VINCERE: MANCINI RIVUOLE LA SUA DIFESA

Cosa succede all'Inter? Sono in molti in quest'ultimo periodo a farsi questa domanda.
La corazzata nerazzurra che portava a casa i tre punti battendo gli avversari con il minimo sforzo sembra non esistere più.
I tanti 1-0 che hanno fruttato parecchi punti a Medel e compagni erano frutto della grande organizzazione difensiva e delle super parate di Handanovic.
Da qualche settimana qualcosa, però, sembra essersi rotto: i miracoli del numero uno sloveno continuano ad esserci ma la solidità difensiva non è più la stessa.
La coppia centrale formata da Murillo e Miranda ha cominciato a vacillare e a non essere più insuperabile come un tempo.
Il dito è punto dritto soprattutto verso il colombiano.
L'ex Granada, vera rivelazione di questo campionato, non sembra più essere quello di inizio stagione e gli errori stanno iniziando a diventare tanti.
Nel rigore, che ha portato al successo il Sassuolo, c'è certamente il suo zampino.
A Bergamo, poi, è arrivato un grossolano autogol, accompagnato da altri diversi errori, e, infine, la partita disastrosa di Torino contro la Juventus.

 

IL CALCIOMERCATO IN SOCCORSO DI MANCINI: EDER PER RISOLVERE IL PROBLEMA DEL GOL

Addossare tutte le colpe su Murillo ci pare, però, davvero troppo.
D'altronde - fatta eccezione per ieri – i nerazzurri non hanno mai subito pesanti passivi, anche se un'inversione di rotta sembra esserci stata. 
Il problema maggiore per l'Inter pare essere, invece, quello dell'attacco.
Roberto Mancini a riguardo non pare avere grossi dubbi e le parole nel post partita contro il Carpi di domenica ("Il gol è un problema.
Se avessi giocato io avrei segnato", queste le dichiarazioni a caldo del tecnico dell'Inter
) sono senza dubbio un attacco diretto ai suoi calciatori.
Il calciomercato dei nerazzurri, che verrà finanziato da Guarin, ceduto ai cinesi dello Shanghai Shenhua, prevederà l'innesto così di un nuovo attaccante.
L'arrivo di Eder è davvero ad un passo.
L'italo-brasiliano ha ricevuto un'importante offerta dal Leicester, ma sembra intenzionato a scegliere quella dell'Inter di Mancini, che potrebbe addirittura averlo a disposizione già per il derby di domenica.  L’acquisto del calciatore della Sampdoria, però, potrebbe non bastare.
Per molti, infatti, il vero grande problema dell’Inter è a centrocampo, dove manca il giusto fosforo.
Medel, FelipeMelo, Kondogbia sono certamente ottimi calciatori, ma soprattutto in fase di rottura.
Fatta eccezione di Brozovic, si fa fatica a trovare qualcuno in grado di innescare le punte con regolarità.
Ad inizio mercato si era fatto il nome di Andrea Pirlo.
Un giocatore con le sue caratteristiche farebbe certamente comodo, ma l’impressione è che bisognerà aspettare l’estate per vederlo alla Pinetina.

DERBY DA CHAMPIONS: BATTERE IL MILAN PER TENERSI STRETTO IL TERZO POSTO

La sfida contro il Milan sembra davvero un crocevia importante per i nerazzurri.
L'Inter è chiamata a rialzarsi e a battere i cugini per tenersi stretto il terzo posto, il vero grande obiettivo della squadra del presidente Thohir.
I grandi investimenti fatti in estate impongono il ritorno in Champions League.
Una sconfitta, oltre a dare la possibilità alla Fiorentina di allontanarsi, porterebbe i rossoneri a solo cinque lunghezze.
Domenica contro il Milan sarà quindi fondamentale tornare a vincere, anche con il solito e tanto caro 1-0.

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)

    Serie A   Inter   Bologna
    Bologna-Inter, Spalletti: "Troppo lenti. E' mancata la qualità"
    Bologna-Inter, Spalletti: "Troppo lenti. E' mancata la qualità"
    Il tecnico dei nerazzurri ha parlato al termine del match del 'Dall'Ara'
    Serie A   Inter   Bologna
    Serie A, Bologna-Inter 1-1: Verdi show! Icardi lo riprende
    Serie A, Bologna-Inter 1-1: Verdi show! Icardi lo riprende
    I nerazzurri stoppati dalla squadra di Donadoni, protagonista di un'ottima partita
    Serie A   Crotone   Inter
    Serie A, Crotone-Inter 0-2: Handanovic salva, Skriniar sblocca
    Serie A, Crotone-Inter 0-2: Handanovic salva, Skriniar sblocca
    Oltre ottanta minuti di sofferenza, poi la rete decisiva del difensore e il raddoppio di Perisic
    Serie A   Inter  
    Crotone-Inter, Spalletti: "C'è confine tra fiducia e presunzione"
    Crotone-Inter, Spalletti: "C'è confine tra fiducia e presunzione"
    Le parole del tecnico alla vigilia della sfida ai Pitagorici
    Serie A   Inter   Crotone
    Crotone-Inter, le probabili formazioni e dove vedere la sfida in tv
    Crotone-Inter, le probabili formazioni e dove vedere la sfida in tv
    I nerazzurri in campo domani allo Scida per cercare di mantenere la vetta della Serie A
    Serie A   Inter   Spal
    Inter-Spal, Domenichini: "Vittoria meritata, punti pesanti"
    Inter-Spal, Domenichini: "Vittoria meritata, punti pesanti"
    Il secondo allenatore ha parlato al posto di Spalletti, rimasto senza voce
    Serie A   Inter   Spal
    Inter-Spal, Spalletti: "Perisic chiave. Gioca Gagliardini. Europa..."
    Inter-Spal, Spalletti: "Perisic chiave. Gioca Gagliardini. Europa..."
    Il tecnico dei nerazzurri è intervenuto in conferenza stampa prima della sfida contro gli emiliani