Breaking News
  • Calcioscommesse, Ruperti: "Non solo Italia nella nostra inchiesta. Cina, Serbia..."
© Getty Images

Calcioscommesse, Ruperti: "Non solo Italia nella nostra inchiesta. Cina, Serbia..."

Il capo della squadra mobile di Catanzaro ha rilasciato alcune dichiarazioni importanti

CALCIOSCOMMESSE LEGA PRO RUPERTI NDRANGHETA / CATANZARO - Il numero uno della squdra mobile di Catanzaro, Rodolfo Ruperti, ha rilasciato un'intervista a 'Radio24' nella quale ha analizzato la situazione creatasi in Lega Pro riguardo il calcioscommesse.
Queste le sua parole: "Un elemento sicuramente caratterizzante è il fatto che noi siamo arrivati a questa inchiesta partendo da un Boss dell’Ndrangheta, Iannazzo Pietro, e seguendo lui, abbiamo ricostruito una prima associazione a delinquere che aveva come finalità quella di favorire le vittorie del Neapolis e poi anche successivamente del Brindisi e poi di altre squadre nei campionati di calcio di Serie D.
Dopo la nostra l’indagine si è sviluppata seguendo sempre un altro calabrese, il quale attraverso dei finanziatori, a volte anche stranieri, in particolare serbi in alcuni casi anche maltesi ed albanesi, alteravano diverse, anzi numerose partite del campionato del campionato di Lega Pro.
Nell’inchiesta sono emerse anche scommesse su partite di serie A cinese e sul basket serbo".

O.P.