Breaking News
© Getty Images

Serie A, Bogarelli: "Non comando io. Voglio sei italiane in Champions"

Parla il numero uno di Infront Italy, l'advisor della Lega Calcio per Serie A, B, Coppa Italia e Supercoppa

SERIE A BOGARELLI JUVENTUS LOTITO TAVECCHIO STADI CHAMPIONS LEAGUE / MILANO - "Non domino nulla perché non esercitiamo quel tipo di politica" mette subito le cose in chiaro Marco Bogarelli, presidente dell'advisor della Lega Calcio,Infront Italy, per i campionati di Serie A, B, Coppa Italia e Supercoppa italiana, che in una lunga intervista concessa ai microfoni de 'La Gazzetta dello Sport' fa il punto sulle news Serie A e traccia la via per il rilancio del calcio italiano: "Ci muoviamo in base alla profittabilità del business, che significa far consumare più calcio.
Le chiacchiere sull'assegnazione del 2008? Portai a Matarrese una proposta per fare l'advisor della Lega.
Con quella proposta è stata fatta una gara a cui hanno partecipato 12 società: non proprio un gesto di amicizia.
Abbiamo vinto perché abbiamo messo più grano sul tavolo, la Juventus aveva una vicinanza col gruppo Lagardere, ma Sportfive fece un'offerta inferiore alla nostra - spiega Bogarelli - I poteri forti non siamo noi, sono altri.
C'è una squadra come la Juve che appartiene al gruppo più liquido d'Italia e ha oltre il 30% dei tifosi.
L'asse Lotito-Galliani? Noi non facciamo politica, non ci schieriamo.
Se aggregano 16-18 squadre di A qualcun altro deve farsi delle domande.
E quando si è discusso del rinnovo del contratto i miei più grandi litigi li ho avuti proprio con Lotito".

Bogarelli, poi, si sofferma sul tema stadi: "Lo stadio è la chiave di tutto.
In attesa di nuovi impianti, con investimenti di qualche milione di euro le grandi società possono rendere più 'friendly' i loro stadi.
Oggi il tifoso a casa ha troppi vantaggi rispetto a chi segue la partita allo stadio.
Non servono nani e ballerine, il core business resta la partita.
Servono wifi e mille televisori anziché cinque.
Bisogna far sì che la gente passi più tempo allo stadio per consumare come in un centro commerciale.
Il tasso di litigiosità in Lega è ancora elevato, ma bisogna sforzarsi di fare uno spettacolo adeguato ai tempi: non abbiamo né Messi né Cristiano Ronaldo.
In Bundesliga sono ripartiti proprio dagli stadi".

Ed infine la chiosa: "La pubblicità per la Nazionale? E' sempre un fenomeno commerciale italiano e uno dei sette brand internazionali.
E' vero che la A è un marchio da rinfrescare, ma ci ha regalato il +58% dai diritti esteri.
Semmai è sbagliato il sistema di accesso alle competizioni europee: ci sono cinque paesi, Italia compresa, che fanno sì che la Champions esista alimentando il 70% del suo fatturato.
L'attuale format non è adattabile alle nuove logiche del calcio: via l'Europa League, che non ha senso, sì a una Champions con 6 italiane di diritto al pari di Spagna, Inghilterra, Germania e Francia".

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)

    In evidenza  
    Mercato, allenatori disoccupati: non solo Luis Enrique. Ecco chi sono
    Mercato, allenatori disoccupati: non solo Luis Enrique. Ecco chi sono
    Dal record negativo di De Boer al desiderio di tornare di Malesani, fino ai grandi nomi come Luis Enrique, Moyes e Sousa
    In evidenza   Genoa  
    Serie A, Giudice Sportivo: stangata Pinilla, cinque giornate di squalifica!
    Serie A, Giudice Sportivo: stangata Pinilla, cinque giornate di squalifica!
    Severa la punizione per l'attaccante cileno del Genoa
    In evidenza   Juventus   Sampdoria
    Sampdoria-Juventus, Allegri: "Non pensiamo al Barcellona, campionato primo obiettivo! Chiellini out"
    Sampdoria-Juventus, Allegri: "Non pensiamo al Barcellona, campionato primo obiettivo! Chiellini out"
    Le dichiarazioni della vigilia dell'allenatore della 'Vecchia Signora'
    In evidenza   Atalanta   Udinese
    Serie A, le probabili formazioni della 27esima giornata
    Serie A, le probabili formazioni della 27esima giornata
    Ecco i possibili schieramenti secondo gli inviati di Calciomercato.it
    In evidenza   Lazio   Milan
    Lazio-Milan, le ultime sulle formazioni: Inzaghi sorprende
    Lazio-Milan, le ultime sulle formazioni: Inzaghi sorprende
    I biancocelesti lanciano Keita dal primo minuto, fuori Lulic
    In evidenza   Milan   Napoli
    Milan-Napoli, Montella: "Hanno budget superiore, da Champions. Reina furbo"
    Milan-Napoli, Montella: "Hanno budget superiore, da Champions. Reina furbo"
    Ecco le parole del tecnico rossonero alla vigilia del grande match
    In evidenza   Inter   Juventus
    Juventus, Moggi: "Calciopoli? Non è cambiato nulla. Inter sempre a 15 punti"