Breaking News
© Getty Images

Serie A, Lotito: "Moratti? Finita l'epoca dei presidenti mecenati. Galliani è il numero uno"

Il presidente della Lazio poi annuncia: "Presenterò una norma per la deregulation dei procuratori

SERIE A LOTITO MORATTI GALLIANI PROCURATORI / ROMA - Claudio Lotito a tutto campo in un'intervista a 'Radio 24': il presidente della Lazio e consigliere federale affronta tutti gli argomenti caldi del momento.
Dal rapporto tra Thohir e Moratti ad Adriano Galliani, passando per la nuova normativa che ha intenzione di proporre per i procuratori. 

GALLIANI: “Non si misura il potere contrattuale e la credibilità - le parole di Lotito sull'amministratore delegato del Milan -; è l’autorevolezza che uno acquisisce attraverso il consenso dei proprio colleghi.
Galliani è il dirigente numero uno del calcio europeo, affettivamente parlando"

THOHIR MORATTI – Il numero uno biancoceleste interviene anche sulla news Inter degli ultimi giorni, l'addio di Moratti alla carica di presidente onorario del club nerazzurro: “Moratti ha rappresentato il periodo passato, del grande mecenate, che per passione ha investito tanti soldi.
Oggi con il fair play finanziario c’è la necessità di un equilibrio economico finanziario: Thohir rappresenta il nuovo modo di fare calcio.
E’ finita l’epoca dei presidenti mecenati.
E’ arrivato con le idee chiare e sta dimostrando capacità gestionali”.

PROCURATORI - Il presidente della Lazio annuncia poi di voler presentare una norma che potrebbe cambiare il modo di fare calciomercato: “Farò arrivare in consiglio federale la deregulation dei procuratori, per cui non ci sarà più l’albo.
C’è molta ambiguità economica nel passaggio tra i procuratori e questo è nato proprio da alcune norme che avevamo nel nostro sistema.
Nel momento in cui c’è la deregulation, viene meno il diritto prioritario che un calciatore ha nei confronti del suo procuratore.
In passato c’è stata una connivenza tra club, procuratori e calciatori che ha determinato una forma di consociativismo; io non sono per il consociativismo, sono per la condivisione.
Oggi i calciatori hanno un procuratore, che è registrato, e dal quale non si possono muovere: con la deregulation, ognuno si prende chi vuole, nel momento che vuole, e se lo vuole, a quel punto viene meno il potere contrattuale del procuratore”.

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)

    Serie A   Milan   Lazio
    Lazio-Milan, Montella: "Non mi sono piaciuto, bisogna crescere"
    Lazio-Milan, Montella: "Non mi sono piaciuto, bisogna crescere"
    Il tecnico ha commentato la pesante sconfitta odierna
    Serie A   Lazio   Milan
    Serie A, Lazio-Milan 4-1: super Immobile, disfatta Montella
    Serie A, Lazio-Milan 4-1: super Immobile, disfatta Montella
    Tripletta dell'attaccante, poker completato da Luis Alberto. Montolivo non basta tra i rossoneri
    Serie A   Milan   Crotone
    Crotone-Milan, Montella: "Non mi aspettavo un Kessie così forte"
    Crotone-Milan, Montella: "Non mi aspettavo un Kessie così forte"
    Il tecnico dei rossoneri ha parlato del match contro i calabresi
    Serie A   Milan   Roma
    Milan, Tavecchio: "Pallotta? Conti nella norma. Bonucci e Biglia..."
    Milan, Tavecchio: "Pallotta? Conti nella norma. Bonucci e Biglia..."
    Il numero uno della Figc ha commentato le ultime indiscrezioni che hanno colpito i rossoneri
    Serie A   Milan   Roma
    Milan, Fassone vs Pallotta: "Sbalordito! Critiche fastidiose. Roma..."
    Milan, Fassone vs Pallotta: "Sbalordito! Critiche fastidiose. Roma..."
    L'amministratore delegato dei rossoneri risponde punto per punto alle accuse del Presidente giallorosso
    Serie A   Milan  
    Milan, Bonucci: "Giusto lasciare la Juventus. Nesta il mio idolo"
    Milan, Bonucci: "Giusto lasciare la Juventus. Nesta il mio idolo"
    Il nuovo difensore rossonero: "A Torino si era affievolito il legame"
    Serie A   Milan  
    Milan-Bologna, Montella: "Questa è la finale. Gomez? Bravo, ma..."
    Milan-Bologna, Montella: "Questa è la finale. Gomez? Bravo, ma..."
    Le parole del tecnico rossonero alla vigilia della sfida con gli emiliani