Breaking News
  • Udinese-Juventus, Conte: "Roma a -5? Avevo ragione io. Vidal ci sara'"
© Getty Images

Udinese-Juventus, Conte: "Roma a -5? Avevo ragione io. Vidal ci sara'"

Il tecnico torna a parlare alla vigilia di un match di campionato dopo diverse settimane

UDINESE JUVENTUS CONFERENZA CONTE / TORINO - Torna a parlare Antonio Conte: dopo diverse settimane, il tecnico della Juventus risponde alle domande dei giornalisti alla vigilia di una sfida di campionato.
L'allenatore bianconero si presenta in conferenza stampa a poco più di 24 ore dal match del 'Friuli' contro l'Udinese, con la Juventus chiamata a vincere per rispondere al successo della Roma.
Calciomercato.it seguirà per voi le dichiarazioni di Antonio Conte

TESTA A TESTA - "Ho sempre detto che saremmo arrivati alla fine del campionato con un testa a testa con la Roma e ho avuto ragione.
Le cose che sono state fatte sono state fatte in maniera ponderata, scientifica, proprio sapendo che saremmo arrivati alla fine con un testa a testa con la Roma per giocarci lo scudetto.
Lo dicevo in passato in virtù anche delle scelte che ho fatto in campionato". 

SETTIMANA PIENA - "Giocheremo domani sera e poi sabato e calcolando gli stage della nazionale, alla fine cambia nulla.
Però questo era stato calcolato: è un'annata stressante dal punto di vista fisico e psicologico, ma è anche un momento esaltante visto che siamo in corsa sue due fronti.
Questo ci deve dare la forza per fare un finale di stagione nella giusta maniera". 

VIDAL - "Ha questo ginocchio dolorante, vedrà a Udine poi valuteremo se schierarlo o meno". 

GARCIA - "Roma soli contro tutti? Sono cose sue.
Io so cosa rappresenta la Juventus in Italia, non c'è bisogna che lo dica anche oggi: in Italia o si è juventino o si è contro.
Noi siamo sempre soli contro tutti, per loro è un fatto sporadico: per noi è sempre stato così e lo sarà sempre". 

ARBITRI - "Differenza tra noi e la Roma data dagli arbitri? Non mi piace la domanda e non dò una risposta". 

UDINESE - "Chi affronta la Juventus fa sempre la partita della vita". 

TANTI IMPEGNI - "Sapevamo e ci auguravamo di dover giocare tante partite.
Siamo stati bravi a farlo accadere.
E' un'esperienza ulteriore per tutti quanti perché ci fanno capire come bisogna affrontare certe situazioni". 

FUTURO - "Il futuro mio è irrilevante.
Dobbiamo concentrarci sul campo per cercare di conseguire il massimo.
Il resto è irrelevante: non deve preoccupare me, né gli altri".

OSVALDO - "Di Daniel non posso che parlarne bene perché si è messo a disposizione, si applica molto.
E' inevitabile che rispetto agli altri ha avuto meno tempo per capire certe cose, anche dal punto di vista fisico.
Questo pesa: ha dato grande disponibilità, si è inserito molto bene nel gruppo e da qui alla fine ci darà una mano per raggiungere i nostri obiettivi". 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)