TV PLAY | Amoroso e Iaquinta in coro: “Nuovo ciclo Juve, Del Piero l’uomo giusto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:02

TV PLAY | Amoroso e Iaquinta in coro sul momento della Juventus: “Nuovo ciclo, Del Piero è l’uomo giusto”. Le dichiarazioni

Super ospite su TV PLAY: oggi è intervenuto a Calciomercato.it Vincenzo Iaquinta, ex attaccante della Juventus e campione del mondo nel 2006.

TV PLAY | Amoroso e Iaquinta: "Nuovo ciclo Juve, Del Piero l'uomo giusto"
Vincenzo Iaquinta su TV PLAY (screenshot)

Così l’ex centravanti sul terremoto in casa Juve: “Quando ho visto la notizia sono rimasto sotto shock, vedere una notizia così brutta per la Juve e per i tifosi non è stata una bellissima cosa. Non posso però entrare nel merito perché non so cosa sia successo, posso solo dire a tutti, tifosi e membri della Juventus, di non mollare. Ciò che ho fatto con quella maglia mi è rimasto nel cuore”. Sul momento del Napoli di Spalletti, invece: “Ad ora il Napoli merita la prima posizione in classifica. Io ho avuto Spalletti ad Udine, so come fa giocare le squadre, un gioco strepitoso, sempre a caccia della profondità. Con il vantaggio che ha può perderlo solo lui lo Scudetto. Ora ci saranno partite importanti per il Napoli, ma quest’anno può vincere veramente lo Scudetto. Segna chiunque in questo Napoli, oltre a Osimhen anche Raspadori e Simeone stanno trovando la rete con regolarità”. Infine, una battuta anche sull’ex compagno Del Piero e il possibile ritorno alla Juventus: “Se è l’uomo giusto? Sicuramente sì, è un’icona della Juventus. Allegri? Ha fatto bene alla Juventus, ha vinto, ora c’è da stare attenti anche loro con la ripresa del campionato. A me piace come tecnico ma potrebbe giocare un po’ meglio la Juventus”.

TV PLAY | Marcio Amoroso: “Scudetto e Mondiali, ecco le favorite”

TV PLAY | Amoroso e Iaquinta: "Nuovo ciclo Juve, Del Piero l'uomo giusto"
Marcio Amoroso su TV PLAY (screenshot)

È intervenuto su TV PLAY anche Marcio Amoroso, ex attaccante, tra le altre, dell’Udinese e della Nazionale brasiliana: “Mondiale? Dico Brasile, con Raphinha, Vinicius Junior, una punta centrale come Richarlison. Fa un po’ quello che facevo io con Poggi nell’Udinese negli anni novanta. Adesso hanno trovato difensori molto più scarsi dei Baresi, Maldini e Montero che incontravo io”. E sul Napoli: “Credo sia la squadra più pronta, gioca benissimo, attacca gli spazi, crea tante occasioni per segnare, mi pare che siano 32 anni dall’ultimo Scudetto con Maradona e Careca”.