TV PLAY | Maxi assicurazione dopo l’infortunio di Neymar: “Qualcuno avrà pianto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:16

L’attaccante brasiliano ha creato parecchia apprensione dopo essere uscito per un infortunio alla caviglia contro la Serbia

Nonostante la vittoria convincente ottenuta ieri sera contro la Serbia, il Brasile non ha vissuto con serenità le ultime ore. A causa dell’infortunio alla caviglia rimediato ieri sera nel secondo tempo del match, Neymar salterà con molta probabilità il resto della fase a gironi dei Mondiali in Qatar e potrebbe rientra solamente per eventuali ottavi.

TV PLAY | Maxi assicurazione dopo l'infortunio di Neymar: "Qualcuno avrà pianto"
Marco Masini in diretta su TV Play

Dell’infortunio del centravanti brasiliano si è parlato questo pomeriggio su Calciomercato.it in diretta su TV Play con Marco Masini, assicuratore che collabora con calciatori di tutto il mondo: “Per un calciatore la polizza infortuni è strumento di lavoro. Mette a rischio quello che è il suo corpo, il suo bene più prezioso. Prima del mondiale c’è stata un’esplosione, ma in generale a prescindere tutti si tutelano in questo modo”.

Masini, infatti, collabora attualmente con oltre 200 calciatori: “Sono affettivamente legato ai giocatori con cui ho iniziato, Donnarumma e D’Ambrosio. Oggi gestisco circa 200 giocatori. Ho ottimi rapporti che vanno oltre l’aspetto lavorativo con Calabria, Gagliardini, Petagna, Romagnoli, o ex giocatori come Abate o Pazzini. Si creano rapporti che vanno oltre il lavoro”.

Infortunio Neymar, entra in gioco la maxi assicurazione

TV PLAY | Maxi assicurazione dopo l'infortunio di Neymar: "Qualcuno avrà pianto"
Neymar ©LaPresse

Pur non conoscendo le cifre esatte, Masini ha anticipato che per l’infortunio di Neymar entrerà ovviamente in gioco una polizza assicurativa da capogiro, considerando l’importanza dell’evento e lo status della stella brasiliana: “Il collega avrà pianto. Quando c’è un infortunio importante, e penso che lui abbia una polizza importante, immagino ci sia da pagare tanto. Quanto? E’ impossibile dirlo. E’ legato al massimale che aveva assicurato e ai punti di invalidità riconosciuti. E’ impossibile dirlo così”.

SUI GIOCATORI PREDISPOSTI AGLI INFORTUNI – “Diventa più difficile assicurare giocatori propensi agli infortuni, e i costi lievitano incredibilmente”.

SULLE POLIZZE DEI CALCIATORI – “Le polizze fatte dai club sono solo fatte sul campo, non per esempio se si fa male sul motorino. Sono escluse le cose extra campo. Nelle individuali invece io faccio polizze h24, e sono coperti anche se cadono sul motorino nel tempo libero. Se poi hanno problemi con il club è un altro discorso”.