Ha scelto di andarsene: la Juve non può fare niente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:22

Le big di Serie A continuano a puntare su calciatori italiani: Juve, Roma e Napoli si sfidano per un super talento che ha però già fatto la sua scelta e l’ha ribadita ufficialmente

Con la sosta del campionato per il Mondiale, c’è spazio in abbondanza per parlare di mercato e ovviamente ragionare su vari aspetti. Le società di Serie A, purtroppo, avranno tempo di fare le proprie riflessioni sul tema di entrate e uscite, di rinnovi o conferme. Anche se la finestra invernale è ancora chiusa e lo sarà ancora per qualche settimana.

frattesi juventus roma napoli calciomercato.it 20221120
Allegri © LaPresse

L’Italia non sarà al Mondiale in Qatar, però di talenti azzurri ne stanno uscendo parecchi in questi mesi e in questi anni, con Mancini che sta provando a esaminarli tutti da vicino, dare più o meno a tutti una possibilità. E la dimostrazione è la convocazione di Simone Pafundi, classe 2006 che ha esordito con l’Albania. Non c’è invece Davide Frattesi, che ha dato forfait per infortunio, conteso da alcune big ma con la mente già settata su un unico obiettivo. Il centrocampista del Sassuolo è partito per Doha, ma solo per fare scalo in direzione Seychelles, dove passerà una settimana di vacanza con tutta la famiglia. La scorsa estate e anche negli ultimi giorni si è parlato di nuovo pure di Juve e Napoli che un pensiero lo avevano fatto.

Frattesi e il pallino Roma: “Prima o poi ce la faccio”. Juve e Napoli? “Vi spiego”

Frattesi © LaPresse

Il mercato, per Frattesi, resta ovviamente sempre un pallino soprattutto dopo un’estate in cui sembrava tutto fatto per il ritorno alla Roma prima che tutto saltasse. Problemi di accordo tra società, ma lo stesso giocatore ha ammesso che il naufragio della trattativa lo ha pesantemente condizionato nel ritiro con i neroverdi. Ha chiesto scusa al suo club, ma “ero convinto che fosse tutto fatto. E ho già spiegato di aver pagato questa delusione con un ritiro estivo inadeguato, irrispettoso verso il Sassuolo – ha detto a ‘Il Corriere dello Sport’ -. L’allenatore, Dionisi, mi ha dovuto allontanare un paio di volte dall’allenamento perché non ero concentrato. Giusto così. D’altra parte anche qui, capisco la Roma: non poteva aspettare tutta l’estate per prendermi. E capisco il dottor Carnevali: non poteva smantellare la squadra e aveva già incassato tanti soldi da Scamacca e Raspadori”.

Però il giallorosso è il vero obiettivo della carriera di Frattesi, ancora adesso: “Quando il mio procuratore Giuseppe Riso discuteva del contratto con Tiago Pinto, io gli ho dato una botta con il gomito per fargli capire che non me ne fregava nulla di un euro in più o in meno. Volevo solo giocare nella Roma. E prima o poi sento che ce la farò. Non credo a gennaio, perché penso che il Sassuolo adesso abbia bisogno di me, magari in estate sì. A Riso l’ho detto (ride, ndi): hai fatto i contratti di Mancini e Cristante, ora tocca pure a me! La Roma è tutto per me. L’idea di segnare un gol all’Olimpico con quella maglia, davanti a tutte le persone che mi vogliono bene, completerebbe il mio percorso. Sarebbe come dire: ecco, ora ce l’ho fatta davvero. Se mi offrono un’altra squadra? Qualcosa c’era anche l’estate scorsa, le proposte non mancano. Ma io ho espresso una preferenza”. Juve e Napoli avvisate.