Allegri lancia la sfida al Napoli e plaude Alex Sandro: “Merita un premio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:54

Massimiliano Allegri ha parlato al termine di Verona-Juventus: le sue parole dopo la vittoria bianconera

Le parole di Allegri a ‘Sky’ dopo il successo della Juventus sul campo del Verona.

Allegri dopo Verona-Juventus
Allegri © LaPresse

“Non è stata una bella partita sotto il piano tecnico, ma quando giochi contro questa squadre è positivo capire come vanno giocate queste gare. Fortunatamente i cambi ci hanno dato una mano dal punto di vista tecnico. Devo fare i complimenti ai ragazzi. Loro giocavano a uomo, sia Kean che Milik hanno fatto meglio nel secondo tempo defilandosi”.

DI MARIA E PAREDES – “Di Maria e Paredes sotto tono? Sul piano tecnico hanno fatto bene, poi è nomale che con un mondiale tra 7 giorni: non è che si tirano indietro ma inconsciamente qualcosa lasci sul campo”.

CLASSIFICA – “Il Napoli in questo momento sta facendo cose straordinari, vince sempre. Nel calcio non puoi sempre vincere, ma non puoi neanche sempre perdere. Noi facciamo il nostro percorso, abbiamo inserito diversi giovani. Domenica abbiamo una partita importante, poi avremo giocatori che staranno meglio e quindi che c’è da essere ottimisti”.

ALTI E BASSI KEAN – “E’ un duemila. Le occasioni ce le ha, alla conclusione ci va. Quando stai in una grande squadra è importante. Se giocasse tantissime partite, farebbe tanti gol. Per noi però è importanti. Quest’anno ha un atteggiamento positivo, ha una corsa diversa. Poi è un duemila, è sempre un ragazzo”.

Verona-Juventus, Allegri: “Paredes doveva fare fallo”

Allegri dopo Verona-Juventus: le sue parole
Allegri © LaPresse

MINUTI FINALI – “Perché dispiace. In quel momento lì doveva fare fallo Paredes in uscita, fortunatamente Alex Sandro ha fatto fallo da espulsione altrimenti commentavamo un altro risultato. Invece che una multa gli andrebbe dato un premio. Soffrivo in modo diverso? Con quelle ripartenze lì bisogna fare fallo”.

PORTIERE – “Szczesny ha giocato 12 partite, Perin stava bene: era giusto che giocava lui oggi”.

3-5-2 O NUOVO MODULO – “In questo momento non ci sto pensando. Le soluzioni vanno trovate quando ci sono i problemi. I giocatori non sono come macchine che le rimetti in voto e ripartono: Pogba e Chiesa sono mesi che non giocano, i giocatori che toranno dal mondiale non so come andranno. Credo che abbiamo 5 giocatori che almeno la semifinale la giocano. Bisogna vedere.