Conte, è fatta al 60%: “Questioni di famiglia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:43

Il salentino in scadenza col Tottenham ha passato una vita in bianconero. Da allenatore ha vinto tre scudetti consecutivi dando il via al grande ciclo di Andrea Agnelli

Antonio Conte e il ritorno alla Juventus, le voci si fanno sempre più insistenti. Il salentino non ha rinnovato col Tottenham e forse non lo farà, così da essere libero a partire dal prossimo anno di firmare con un altro club.

Calciomercato Juventus, ritorno Conte: nuovo annuncio
Antonio Conte ©LaPresse

Conte ha passato quasi un’intera vita calcistica con la ‘Vecchia Signora’. Fu anche capitano e poi, come tutti ricordano, l’allenatore dei tre scudetti consecutivi. Quelli post Calciopoli e che diedero il via al grande ciclo portato avanti da Allegri e che contraddistingue l’Era Andrea Agnelli, ora molto scricchiolante non solo a causa della recente inchiesta della Procura di Torino. A proposito di Agnelli, il direttore di ‘Signora Mia’ parla di ‘svolta’ per quanto riguarda il rapporto tra il presidente bianconero e Antonio Conte: “C’è stato un riavvicinamento personale fra i due“, le sue parole a Calciomercato.it in onda su Tv Play.

Venditti dà il 60% di possibilità al ritorno di Conte sulla panchina della Juventus: “Il motivo per cui non ha rinnovato con il Tottenham è che la famiglia vuole tornare in Italia – ha detto a Tv Play – E l’unica squadra di Serie A in cui può andare è la Juve, di certo non può tornare all’Inter”.

Calciomercato Juventus, da Bastoni a Milinkovic: c’è già la lista di Conte

Calciomercato Juventus, Conte torna e ruba Bastoni all'Inter
Alessandro Bastoni ©LaPresse

La lista della spesa di Conte potrebbe essere lunga e, soprattutto, includere calciatori molto costosi. Di queste ore l’indiscrezione su Bastoni, che con lui esordì all’Inter diventando poi uno dei punti di forza della squadra che poi vinse lo Scudetto, così come quella su Sergej Milinkovic-Savic. In realtà il serbo è da tempo sul taccuino della dirigenza juventina, ma le richieste di Lotito – ieri ha detto che non lo venderebbe nemmeno per 120 milioni – hanno sempre frenato l’operazione.