Cataclisma Juve, bocciato in Champions: cessione a gennaio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:14

La Juventus ha salutato con eccessivo anticipo l’edizione attuale della Champions League. Il ko di Lisbona contro il Benfica è solo l’ultimo capitolo di un disastro annunciato che si è consumato nel peggiore dei modi. Tutti nel mirino 

Si è conclusa mestamente l’avventura in Champions League della Juventus, che questa volta non supera neanche la fase a gironi vedendosi estromessa dalla competizione addirittura con un turno d’anticipo sulla tabella di marcia. KO disastroso in casa del Benfica sotto i colpi di Rafa Silva e soci, letteralmente scatenati lungo tutto l’arco della partita. Uno scarto sia dal punto di vista tecnico che fisico che porta ad inevitabili ed ulteriori riflessioni dalle parti della Continassa dove andrà trovato un appiglio ed un punto di ripartenza.

Locatelli disastroso contro il Benfica
Juventus © LaPresse

Una debacle colossale per la Juve che anche dal punto di vista strettamente economico perde gli introiti importanti che avrebbe comportato un passaggio del turno comunque ai limiti dell’impossibile già prima della gara di ieri sera. Quattro sconfitte in cinque partite rappresentano la chiara misura del fallimento juventino in Champions League, dove al di là della freschezza della reazione finale alimentata dall’intraprendenza di giovani come Iling Junior resta poco da salvare.

Juventus, Locatelli bocciato in Champions: “Da cedere a gennaio”

Locatelli disastroso contro il Benfica
Locatelli © LaPresse

Tutti sul banco degli imputati, dall’allenatore ai calciatori passando per la dirigenza. Sono tantissimi i singoli che non hanno reso: da Bonucci a Cuadrado passando per Rabiot e l’attacco. Bocciato anche Locatelli che fallisce nuovamente l’occasione di dimostrare il proprio valore in match di livello, sottolineando ancora una volta anche il peso di un pesante investimento fatto su di lui.

Tanti i soldi spesi dalla Juventus per strapparlo al Sassuolo nell’estate 2021 senza però veder corrisposto poi sul campo lo stesso valore da parte del calciatore, troppo altalenante  spesso criticato. In un contesto del genere non va esclusa anche una cessione già a gennaio per lo stesso Locatelli, un po’ come accaduto un anno fa per Bentancur e Kulusevski. Lo stesso centrocampista classe 1998 era stato accostato alla Premier.

Proprio Locatelli insieme anche ad altri compagni è finito in un listone di calciatori che anche parte della tifoseria sui social invita a cedere: