TV PLAY | “Nuovo portiere italiano”: la Juventus prepara la sorpresa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:43

Stefano Lanzo, giornalista di Tuttosport, è intervenuto ai microfoni di Calciomercato.it su Tv Play: le ultime sulla Juventus

Juventus a tutto tondo. Stefano Lanzo, giornalista di ‘TuttoSport’, è intervenuto a Calciomercato.it su Tv Play e ha affrontato i temi più caldi sul fronte bianconero.

Di argomenti da cui partire non ne mancano: dal ritorno in campo di Pogba e Chiesa alle ultime voci di mercato che danno la Juve a caccia dell’estremo difensore georgiano Mamardasvili.

Juventus, prudenza per Pogba
Lanzo

Lanzo parte dagli infortuni e da quando si potranno rivedere in campo sia Pogba che Chiesa dopo le parole di Allegri in conferenza: “C’è prudenza. Quando giocatori importanti hanno infortuni di grande durata poi c’è sempre grande attenzione. Per Chiesa c’è maggior ottimismo, anche se Allegri vuole testarlo in amichevole. Pogba, invece, richiede ancora più prudenza: il tempo e il tipo di infortunio vanno curati con attenzione”.

Per il francese, infatti, c’è da considerare anche il Mondiale alle porte che Pogba non vuole ovviamente saltare: “La convocazione – afferma Lanzo – dipende da cosa succede nelle prossime settimane. Penso che abbia bisogno di giocare, ma c’è prudenza. Non sappiamo con certezza i tempi. La gara con l’Inter è una data possibile. Ha la necessità di giocare per essere convocato al Mondiale, deve fare 2-3 partite vere o Deschamps potrebbe fare scelte diverse”.

Calciomercato Juventus, Lanzo: “Nuovo portiere italiano”

Portiere italiano per la Juventus
Perin © LaPresse

Altro tema affrontato dal giornalista di Tuttosport è la Champions: “La Juventus deve concentrarsi sul campionato. La partita con l’Empoli è più importante di quella con Benfica. La Champions non dipende solo dalla Juventus. Il quarto posto invece diventa fondamentale per il futuro del club”.

Infine il mercato con le indiscrezioni sull’interesse per Mamardasvili: “Il portiere è uno degli ultimi problemi della Juve. Credo che possa tornare la tradizione italiana. C’è Perin, Carnesecchi: chissà che il portiere bianconero non possa diventare di nuovo un italiano”.