Sturm Graz, Ilzer attacca Immobile: “È un provocatore, oltre lo sport!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

Risultato prestigioso per lo Sturm Graz in casa della Lazio, anche se con qualche rammarico per il 2-2 maturato in superiorità numerica per un tempo intero: le parole del tecnico austriaco Ilzer

Lo Sturm Graz esce indenne dal doppio scontro diretto con la Lazio, impattando 2-2 contro all’Olimpico ma giocando un tempo intero in superiorità numerica. I tifosi austriaci escono dallo stadio applaudendo la propria squadra, con la qualificazione completamente in ballo.

ilzer sturm graz lazio conferenza calciomercato.it 20221310
Ilzer © LaPresse

In conferenza stampa, le parole del tecnico austriaco Christian Ilzer: “La partita ha avuto tutto quello che ha caratterizzato una partita internazionale, i punti sono guadagnati, nel primo tempo Lazio più forte, ma siamo riusciti a correggere il tiro. Poi eravamo anche con un uomo in più, ma il nostro gioco era migliore. Mi è dispiaciuto, perché la vittoria era comunque fattibile”. Poi l’argomento principale: “A mio avviso è stato un lavoro eccellente dell’arbitro, c’è stato molto dialogo con noi vista la lingua (il direttore di gara era tedesco, ndc). Non è stata corretta l’espulsione di Lazzari, poi abbiamo visto che c’era nervosismo, siamo passati su un altro livello oltre lo sport. Immobile però ha provocato costantemente i nostri giocatori, si doveva intervenire diversamente. Il rosso è stato sbagliato, poi sul rigore non siamo d’accordo perché il nostro giocatore ha detto che non c’è stato un contatto voluto”.

Lazio-Sturm Graz, Ilzer soddisfatto: “Due pareggi ottimi e che bravo Boving”

ilzer sturm graz lazio conferenza calciomercato.it 20221310
Ilzer, allenatore dello Sturm Graz © LaPresse

Su Boving e la scelta di non farlo giocare dall’inizio: “Per una questione di profondità, avevamo avuto difficoltà nella scorsa partita nell’arrivare in porta – dice Ilzer -. Emegha è velocissimo, si muove ed è dinamico col pallone, durante la partita però non è riuscito a tenere la Lazio quindi abbiamo pensato che Boving fosse la scelta giusta. Ha fatto molto bene, quindi mi ha soddisfatto. È stata un’ottima prestazione, ci sono stati momenti in cui pensavamo di poter vincere, ma sono stati due ottimi risultati sia all’andata che al ritorno. Nel primo tempo non siamo riusciti a fronteggiare la pressione della Lazio e ci ha tolto forza, portando al rigore. Sono punti importanti, non facili da fare”.

Sui cambiamenti dello Sturm con la Lazio in 10: “Non abbiamo cambiato molto, siamo andati tra le linee, poi per arrivare in porta abbiamo affrontato tanti uno contro uno con giocatori fortissimi. Siamo stati a volte passivi, ma il risultato è ottimo e abbiamo giocato bene contro una squadra eccellente. Boving? Mi ha impressionato, è sempre più forte, cerco sempre di farlo giocare ma ancora non eravamo pronti come squadra. Noi dobbiamo pensare però a fare giustizia per il nostro club e la nostra squadra”. Su Kiteishvili: “Gioca qui da tanto tempo, l’infortunio è durato tanto, non c’è stato per quasi un anno ma ora sta rientrando nel miglior modo possibile. Giocatore eccellente, tornerà a essere tra i migliori quando tornerà in forma. Non è riuscito a reagire all’intensità della Lazio”.