“Una sconfitta sarebbe fatale”, ultima spiaggia per la Juventus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:29

Vigilia di Milan-Juventus, i bianconeri tentano la risalita ma non possono permettersi di perdere: il parere definitivo

Dopo la pausa per le nazionali, la Juventus ha ritrovato confidenza con la vittoria. Se tra agosto e settembre erano arrivati solo due successi, altrettanti ne sono arrivati in pochi giorni contro Bologna e Maccabi Haifa.

"Una sconfitta sarebbe fatale", ultima spiaggia per la Juventus
Massimiliano Allegri © LaPresse

Vittorie senza dubbio importanti per tirare un po’ il fiato per i bianconeri e per Massimiliano Allegri, tentando di superare le difficoltà del momento e risalire la china sia in campionato che in Europa. Ma si tratta soltanto di un primo punto di partenza, la strada è ancora lunga. E oltretutto, di vittorie avvenute contro avversari non irresistibili. Poca la resistenza opposta dai rossoblù in campionato, in Champions contro gli israeliani qualche criticità nonostante il 3-1 c’è stata. Domani, vero e proprio crash test contro il Milan, per capire se davvero la compagine piemontese può tornare a guardare con ottimismo al futuro e riproporsi ad alti livelli.

Milan-Juventus decisiva per i bianconeri: “Sono ancora in rodaggio, non mi convincono”

"Una sconfitta sarebbe fatale", ultima spiaggia per la Juventus
Massimiliano Allegri © LaPresse

L’importanza del big match di San Siro, domani alle ore 18, viene sottolineata dal doppio ex Marco Borriello. L’ex attaccante, intervistato dalla ‘Gazzetta dello Sport’, spiega come si tratti di un appuntamento chiave. Se lo è per i rossoneri, che devono rimanere in quota contro una rivale di spessore, per i bianconeri può essere il trampolino di lancio verso la rimonta, oppure la pietra tombale sulle proprie ambizioni. “La Juventus in Champions non mi ha convinto fino in fondo – ha dichiarato Borriello – Una grande squadra non può soffrire in quel modo nel finale di partita contro il Maccabi Haifa. I bianconeri sembrano ancora in fase di rodaggio, pur essendo passati quasi due mesi dall’inizio del campionato. Sono arrivate due vittorie di fila per la Juventus, è vero, ma quando si alza il livello, come accade in Europa, va ancora in affanno. Su di lei ci sarà maggiore pressione senza dubbio, una sconfitta contro il Milan la ammazzerebbe. Se arrivasse un pareggio, potrebbe anche essere un buon risultato, ma soltanto nel caso in cui ci fosse un approccio offensivo alla partita, senza difendersi e basta”.