Lazio-Spezia, Gotti: “Io e Sarri non siamo due da baci in bocca, ci basta una cosa”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:51

Luca Gotti commenta il pesante ko contro la Lazio all’Olimpico: lo Spezia esce con le ossa rotte dopo lo 0-4 e il tecnico ha analizzato il match

Lo Spezia soccombe all’Olimpico contro una Lazio oggi troppo forte. I liguri escono con le ossa rotte dopo lo 0-4 maturato nel lunch match, restano in una discreta posizione di classifica anche se quasi tutte le squadre che la seguono devono ancora scendere in campo.

gotti lazio spezia conferenza calciomercato.it 20221002
Gotti © LaPresse

Il tecnico Luca Gotti si presenta in conferenza stampa per analizzare la sfida: “Kiwior non ha funzionato? Le cose non sono singole. La scelta di Kiwior era per non spostare troppi giocatori. C’è da dire pure della forza degli avversari, Felipe Anderson non è un cliente facile ed è il miglior Felipe Anderson che abbiamo visto. Poi prendi un rigore dopo 50 secondi e Ampadu viene ammonito, per cui non esce forte su Zaccagni in occasione del primo gol lasciandolo entrare nel campo. Non è questione di prenderli alti o bassi, per quasi tutto il primo tempo non abbiamo avuto le misure giuste. E puoi venirne fuori solo vincendo i duelli individuali. Però non abbiamo rinunciato a giocare e creare, sono soddisfatto degli attaccanti, un gol ce lo saremmo meritati”.

Gotti e il rapporto con Sarri: “Non siamo da baci in bocca. Lazio da scudetto? Anche il Milan…”

gotti lazio spezia conferenza calciomercato.it 20221002
Gotti e Sarri in Lazio-Udinese dello scorso anno © LaPresse

Gotti poi continua ad analizzare spiegando le difficoltà dello Spezia: “Colpa di una pressione non adeguata, insieme alla grande qualità della Lazio. Questo presupposto crea degli uno contro uno che devi avere la capacità di risolvere. Cerchiamo di essere più aggressivi possibile nella prima mezz’ora, di non guardare la partita e questo a volte porta il vantaggio e altre dà opportunità all’avversario di farti male. Siamo una squadra giovane all’inizio di un percorso”. La domanda poi è su dove possa arrivare la Lazio con Sarri: “Mi sento di dire che è abbastanza ovvio che la Lazio ha giocatori di eccellenza che possono ambire a palcoscenici altissimi, di livello assoluto. Poi sulla carta ci sono squadre più attrezzate, ma tutti gli addetti ai lavori dicevano lo scorso anno del Milan la stessa cosa”.

Lo Spezia è molto diverso per rendimento tra casa e trasferta: “Vero che la squadra è entrata molle in campo oggi, ma non penso sia debole dal punto di vista mentale. Però c’è una grande diversità tra casa e trasferta, è vero. Io cercherò di fare in modo che tra qualche partita nessuno possa rifarmi questa domanda allo stesso modo. Cosa provo ogni volta che rincontro Sarri? Non è quel tipo di rapporto di chi si dà i baci in bocca o ci scriviamo, non è nelle corde di entrambi. Ci sono cose che abbiamo capito l’uno dell’altro come uomini e questo ci basta“.