PAGELLE E TABELLINO INTER-ROMA 1-2 | Smalling imperiale. Correa e Dumfries fastidiosi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:58

Le pagelle della sfida fra l’Inter di Simone Inzaghi e la Roma di Josè Mourinho: ottava giornata del campionato italiano di Serie A: i giudizi della sfida

Torna a vincere la Roma di Josè Mourinho sul campo dell’Inter, la sua Inter, oggi nelle mani di Simone Inzaghi. Vittoria fondamentale per i giallorossi dopo il ko contro l’Atalanta, mentre continua il profondo rosso nerazzurro con la seconda sconfitta consecutiva in Serie A e la quarta finora.

Inter-Roma, super Smalling
Chris Smalling © LaPresse

INTER

Handanovic 5 – Sul primo gol di Dybala è colpevole e i riflessi non sembrano più essere quelli di una volta. Ora Inzaghi deve decidere.

Skriniar 5 – I rumors di mercato lo hanno turbato e non poco, forse una partenza, anche per 55 milioni, avrebbe avuto un effetto diverso.

Acerbi 6 – Sembra impossibile, ma è lui l’unica certezza difensiva di questa Inter che stenta a decollare. E chi se lo aspettava…

Bastoni 5 – Difficile credere che sia lo stesso giocatore di tre mesi fa, serve una scossa. Dall’81’ Gosens 5 – Un cross (sbilenco) e un giallo (obbligato).

Dumfries 4,5 – Copia sbiadita e riuscita anche male del giocatore visto la scorsa stagione che si era lanciato proprio contro la Roma di Mou. Dal’82’ Bellanova 5 – Non si possono sbagliare gol del genere

Barella 6 – L’assist per Dimarco è una perla, tutto il resto è da migliorare, soprattutto l’atteggiamento in campo nei confronti dei compagni.

Asllani 6 – Buone geometrie e anche un gol sfiorato forse nel momento migliore dell’Inter. Inzaghi ha una magra consolazione nella sua prestazione. Dal 77′ Mkhitaryan SV

Calhanoglu 5 – Il gol nasce da un suo passaggio avventuroso a Barella al centro del campo. Sembra il replay del derby. Non basta il guizzo su punizione per redimerlo. Dal 76′ Correa 4 – Entra, non combina nulla, tenta un dribbling senza pretese e si prende anche un giallo.

Dimarco 6,5 – Il gol rimarca ancora una volta il suo stato di forma eccellente, così come le continue sgroppate sulla fascia. Lui è l’uomo da cui ripartire. Dall’88’ Carboni SV

Lautaro 4,5 – Impalpabile, qualche guizzo a inizio ripresa, poi il nulla. Partita da dimenticare che fa il paio con un mese di settembre horror.

Dzeko 6 – Segna, ma ancora una volta gli viene annullato per un fuorigioco, ma è l’unico che combatte veramente lì davanti.

All. Inzaghi 4,5 – Se tre indizi fanno una prova, quattro hanno l’aggravante della recidiva. Un poker di KO nelle prime otto di Serie A è veramente troppo per una squadra che puntava allo Scudetto.

ROMA

Rui Patricio 5,5 – Timido in occasione del primo gol, si riscatta parzialmente nella ripresa con qualche buona uscita.

Mancini 5 – Soffre moltissimo la spinta della fascia sinistra dell’Inter e il cartellino giallo è ormai una consuetudine.

Smalling 7,5 – L’unico che dà un senso di sicurezza vera e propria alla linea difensiva. Nella ripresa è costretto a fermare Lautaro con le cattive, ma non poteva fare altrimenti. Nel quarto d’ora finale, arriva il gol pesantissimo che vale almeno un voto in più.

Ibanez 5,5 – La sua partita è troppo a corrente alternata. Regala chiusure degne della miglior scuola brasiliana, e poi si perde in un bicchiere d’acqua con cali di concentrazione e disimpegni superficiali.

Celik 5,5 – Fa il suo, ma non basta contro la grande spinta di Dimarco. Poco propositivo in fase offensiva.

Cristante 5 – La prima impostazione della Roma dovrebbe passare anche dai suoi piedi, ma i tempi di gioco non sono quelli fatti vedere con Mancini in Nazionale. Rischia molto con la gomitata a Lautaro a fine primo tempo.

Matic 6 – Regala qualche sgroppata dei tempi belli in mezzo al campo, gli manca soltanto un po’ di inventiva in più nelle scelte offensive.

Spinazzola 6,5 – L’assist per Dybala è prezioso così come il lavoro su Dumfries. Non è ancora al meglio e si vede, ma i segnali sono incoraggianti.

Pellegrini 6,5 – Smista e cerca sempre la giocata in verticale per i suoi compagni. Un po’ in ombra nella prima mezz’ora, nella ripresa cerca di tenere la squadra alta. Suo l’assist per il gol di Smalling. Dall’82’ Camara SV

Zaniolo 5,5 – Sarebbe stata una sufficienza se non fosse stato per il giallo, ampiamente evitabile, all’inizio della ripresa su una punizione innocua al centro del campo. Dall’86’ Belotti SV

Dybala 7 Si accende quando serve per i giallorossi con un gol che pareggia i conti e qualche giocata di classe pura, peccato per l’infortunio. Dal 58′ Abraham 6,5 – Sgomita, lotta e sfiora anche il gol, buono il suo ingresso in campo.

All. Foti 6,5 – Chi vince ha ragione! Il piano partita è chiaro, le idee degli interpreti un po’ meno, ma alla fine arriva una vittoria di solidità e prestigio.

TABELLINO INTER-ROMA 1-2
Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, Acerbi, Bastoni (Dall’81’ Gosens); Dumfries (Dall’81’ Bellanova), Barella, Asllani (Dal 77′ Mkhitaryan), Calhanoglu (Dal 77′ Correa), Dimarco (Dall’88’ Carboni); Lautaro, Dzeko.
Roma (3-4-2-1): Rui Patricio; Mancini, Smalling, Ibanez; Celik, Cristante, Matic, Spinazzola; Pellegrini (Dall’82’ Camara), Zaniolo (Dall’86’ Belotti); Dybala (Dal 58′ Abraham).
ARBITRO: Massa (Imperia)
MARCATORI: 30 Dimarco (I), 39′ Dybala (R), 75′ Smalling (R), Correa 87′ (I)
AMMONITI: Zaniolo 54′ (R), Mancini 61′ (R), Smalling 65′ (R), Asllani 72′ (I), Gosens 90′ (I), Barella 90′ (I)
ESPULSI: