Non solo Allegri, tutti in discussione: rivoluzione in caso di flop

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:06

La stagione della Juventus e di molti protagonisti in bianconero, a iniziare da Allegri, già a un bivio: i nomi per la rivoluzione totale

E’ una serata delicata, importante, di quelle da non fallire per la Juventus, che si trova già di fronte a uno snodo a dir poco cruciale per la sua stagione. La gara della seconda giornata dei gironi di Champions League per i bianconeri mette in palio molto in ottica qualificazione agli ottavi di finale, contro il Benfica.

Non solo Allegri, tutti in discussione: rivoluzione in caso di flop
Massimiliano Allegri © LaPresse

Massimiliano Allegri ha provato a smarcare se stesso e i suoi dalle tensioni della vigilia, ma la classifica e le dinamiche del gruppo H parlano chiaro. Dopo il ko bianconero dell’esordio con il Psg e la vittoria in contemporanea dei portoghesi contro il Maccabi Haifa, una mancata vittoria metterebbe decisamente in salita per i piemontesi il percorso per il passaggio del turno. Con polemiche annesse che andrebbero ad aggiungersi a quelle di un inizio di stagione piuttosto complicato di per sé, con appena due vittorie, quelle con Sassuolo e Spezia, su un totale di sette gare disputate fin qui. E’ una Juventus che vuole tornare a essere protagonista in Italia e in Europa dopo le ultime stagioni deludenti, ma che fin qui non decolla, né dal punto di vista dei risultati né, tanto meno, da quello del gioco. Ed è per questo che l’appuntamento dell’Allianz Stadium, alle ore 21, può già dire molto sulle prospettive a medio termine. Parlare di ultima spiaggia magari è eccessivo, ma è indubbio che in caso di nuovo flop sul campo la stagione potrebbe indirizzarsi verso una piega negativa. La sensazione, è che il processo di rinnovamento avviato sul mercato non sia sufficiente. E che altri cambiamenti importanti a quel punto possano essere all’orizzonte, compreso quello sull’allenatore. Facciamo il punto sul futuro di Allegri e di diversi giocatori della Juventus, da Bonucci a Cuadrado, che appaiono a fine ciclo, con i loro possibili sostituti.

Tabula rasa Juventus: da Bonucci a Cuadrado, via gli ultimi volti storici (e non solo)

Non solo Allegri, tutti in discussione: rivoluzione in caso di flop
Leonardo Bonucci © LaPresse

Se Allegri, che non riesce a invertire il trend, inizia a rischiare molto, il discorso vale a maggior ragione per alcuni senatori del gruppo. Al termine della passata stagione hanno salutato Chiellini, Dybala, Bernardeschi, ma altri, a questo punto, sembrano dover fare spazio a elementi più freschi e con nuove motivazioni. Tra i più in difficoltà di questo inizio di stagione sicuramente Cuadrado, ma anche Alex Sandro e Bonucci sono decisamente al di sotto, e non da ora, degli standard cui avevano abituato. Per tutti loro, per motivi contrattuali e legati all’età, il percorso in bianconero sembra poter giungere alla conclusione in tempi brevi. Prova a giocarsi la conferma chi avrebbe l’età dalla sua, come Moise Kean, ma se proseguirà con le prestazioni espresse fin qui, anche lui a fine anno saluterà la compagnia. Juventus che dovrà poi pensare alla sostituzione di Di Maria, visto il contratto ‘a gettone’ dell’argentino. E i dubbi sulle condizioni fisiche di Pogba, visti i recenti accadimenti, potrebbero generare scenari imprevisti anche da quel punto di vista.

Da Zaniolo in poi, tutti i volti della nuova Juve: e l’allenatore…

Non solo Allegri, tutti in discussione: rivoluzione in caso di flop
Nicolò Zaniolo © LaPresse

Una Juventus che dunque nel prossimo mercato estivo, ma forse già in inverno, potrebbe essere obbligata a mettere nuovamente mano in maniera corposa al discorso acquisti. I nomi sul taccuino non mancano. In difesa, con la mancanza di un centrale mancino, può tornare d’attualità Pau Torres, già seguito in estate come raccontato da Calciomercato.it e valutato almeno 45 milioni dal Villarreal. La Juventus ha cercato nei mesi scorsi di affiancare Pau Torres a Bremer, ma senza successo. Nei prossimi mesi, i discorsi per il centrale spagnolo possono ripartire. Sulle fasce difensive, osservati speciali Grimaldo, vecchio pallino e avversario di stasera, e Odriozola, che può rappresentare una occasione di rilievo già a gennaio. A centrocampo, occhio a una possibile fuoriuscita dal Barcellona già nell’immediato di Kessie, che con i blaugrana non riesce a decollare. Per l’attacco, sullo sfondo c’è sempre il nome di Zaniolo, corteggiato da tempo così come anche dal Tottenham. Per non parlare di Firmino, che Allegri aveva cullato a lungo come colpo di spessore in estate. E che in inverno potrebbe diventare una occasione in saldo (ma la Juventus dovrebbe liberare una slot per extracomunitari).

In tutto questo, occhio alla posizione di Allegri. Che in forza del suo super contratto vedrà la sua posizione minacciata a stagione in corso solo in caso di risultati realmente catastrofici. Ma che a fine anno, se gli obiettivi non saranno stati raggiunti, rischierebbe comunque seriamente di saltare. A proposito, si è appena liberato un tecnico campione d’Europa come Tuchel. E un altro come Zidane è libero da tempo su piazza.