Ritorno al passato in Serie A: Ranieri o Sousa per la panchina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:02

Possibile primo esonero in Serie A: ore di riflessioni con l’addio possibile, per sostituirlo si pensa anche a Ranieri e Paulo Sousa

Uno tra Claudio Ranieri e Paulo Sousa potrebbe presto tornare in Serie A. Ci sono i due ex di Inter e Juventus tra i papabili sostituti in caso si verificasse il primo esonero nel massimo campionato.

Entrambi i tecnici sono liberi sul mercato e a loro sta pensando il Bologna. In bilico c’è la posizione di Sinisa Mihajlovic: appena tre punti in cinque partite hanno fatto scattare l’allarme in casa rossoblù e sono partite quindi le riflessioni in seno alla dirigenza. Come riferito da ‘Sky Sport’, il Bologna sta pensando all’esonero dell’allenatore serbo ed è già partita la caccia al sostituto. Diversi i nomi vagliati dal club emiliano che vuole invertire al più presto la tendenza per non rimanere poi invischiato nella lotta per non retrocedere.

Il pareggio contro lo Spezia può rappresentare l’ultima panchina rossoblù di Mihajlovic anche se, per il momento, la decisione definitiva non è stata ancora presa. Possibile anche che, vista la sosta in programma tra due giornate, il serbo possa avere ancora una chance di rinsaldare la sua posizione.

Calciomercato Bologna, in quattro per il dopo Mihajlovic

Mihajlovic a rischio: il Bologna valuta l'esonero
Mihajlovic © LaPresse

Al momento però la scelta del Bologna sembra orientata su un ribaltone immediato. Saputo non vuole perdere altro tempo e l’avvicendamento – stando a quanto riferito dall’emittente satellitare – potrebbe avvenire subito. Emergono intanto anche i nomi dei possibili successori: una lista di almeno quattro profili, con età, esperienze e idee di gioco diverse.

Si va da Roberto De Zerbi, reduce dall’esperienza in Ucraina, ad un altro giovane come Thiago Motta, protagonista della salvezza dello Spezia nello scorso campionato. Occhio anche a Paulo Sousa, ex allenatore della Fiorentina, reduce dall’esperienza poco felice al Flamengo. Oltre al portoghese in ballo c’è anche Claudio Ranieri: il tecnico di Testaccio porterebbe con sé esperienza e capacità di trasmettere tranquillità ad un ambiente che ne ha bisogno per ritrovare la retta via. Una strada smarrita nelle prime giornate di campionato: appena tre punti e la sensazione che per Mihajlovic l’avventura in rossoblù possa essere arrivata al capolinea.