Juventus, niente alibi per Allegri: “Mai più figuracce”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:23

Dal match con la Fiorentina, riparte la Juventus dopo un mercato da protagonista: Massimiliano Allegri è ‘avvisato’

A calciomercato concluso e a rose completate, ora, spazio al campo, con un lunghissimo tour de force da qui alla pausa di novembre per i Mondiali, con soltanto uno stop a fine settembre per la Nations League. La stagione entra nel vivo, con match già fondamentali, che attendono per esempio la Juventus di Allegri.

Juventus, niente alibi per Allegri: "Mai più figuracce"
Massimiliano Allegri © LaPresse

Oggi, i bianconeri sono attesi dalla dura trasferta in casa della Fiorentina, utile per saggiare condizione e ambizioni in vista del debutto da far tremare i polsi in Champions League, al cospetto del Psg di Messi, Mbappé e Neymar. Allegri insegue risposte importanti e si prepara a lanciare già oggi Leandro Paredes, l’uomo d’ordine tanto cercato e inseguito sul mercato e arrivato quasi in chiusura. Il tecnico livornese, dopo una serie di acquisti di livello, può plasmare una squadra come quella che aveva in testa, per puntare ai massimi livelli in Italia e a tornare protagonista anche in Europa, dopo anni difficili per la Juventus.

Juventus, Allegri spalle al muro: “E’ stato accontentato, è lecito aspettarsi molto”

Juventus, niente alibi per Allegri: "Mai più figuracce"
Massimiliano Allegri © LaPresse

Allegri si trova adesso in una posizione ‘scomoda’, dopo aver ricevuto dal mercato quanto aveva chiesto. Adesso, per lui non ci sono alibi, si dovrà necessariamente alzare l’asticella delle prestazioni e dei risultati. Questo il senso dell’editoriale che lo vede come protagonista stamani su ‘Tuttosport’, a firma del giornalista Luca Beatrice, che spiega: “Ora la squadra c’è. Tra le candidate al prossimo scudetto, la Juventus sembra proprio la più attrezzata e completa. Allegri è stato accontentato, anche di più, ha ottenuto quei ‘giocatori pronti’ che chiedeva nei ruoli chiave. E’ logico dunque che i tifosi e la società pretendano a breve una Juventus ai primi posti, migliore nel gioco (non in termini di spettacolo ma di punti) e mai più figuracce come quella di Genova. Con Paredes, Milik, la permanenza di Rabiot, una difesa tornata solida, Di Maria, anche in attesa dei ritorni di Chiesa e Pogba, la Juventus ha una rosa forte. Molti vorrebbero avere i problemi di Allegri”.