CM.IT | Napoli-Raspadori ci siamo. Distanza minima: ecco quando si può chiudere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:56

Il Napoli si avvicina a grandi falcate a Giacomo Raspadori: distanza sempre più minima, le tempistiche

Il Napoli si sta accendendo sul mercato e in poche ore può chiudere un doppio colpo che cambierebbe seriamente il volto della squadra di Spalletti e, per estensione, le sue ambizioni. Spalletti sta per ricevere due regali importanti, a centrocampo e in attacco. Il primo è Tanguy Ndombele dal Tottenham, che arriverà domani a Roma per le visite mediche.

raspadori napoli pinamonti sassuolo inter
Raspadori © LaPresse

Un colpo di caratura internazionale, che negli Spurs era ormai un corpo estraneo. È stato uno degli acquisti flop per eccellezza da parte del Tottenham nelle ultime stagioni. Soprattutto se si pensa alla cifra spesa dai londinesi per prenderlo dal Lione nel 2019: 60 milioni più 10 di bonus. Cifre esorbitanti per un calciatore che, dopo un discreto inizio, è poi progressivamente sparito dai radar. Lo scorso anno è tornato in prestito proprio all’OL, ma poi è rientrato alla base. Per lui si è parlato spessissimo di Juventus ma anche di Roma in Serie A, alla fine la sua prossima avventura sarà a Napoli. Un giocatore dalle caratteristiche che mancano agli azzurri, che in regia ha gente rapida e dal baricentro basso. Ndombele è un mediano che può dare tante alternative. Ma non sarà l’unico colpo delle prossime ore.

Napoli, chiusura vicinissima per Raspadori

Napoli-Sassuolo: incontro per Raspadori
Raspadori ©LaPresse

Per Giacomo Raspadori siamo ormai praticamente al rush finale. Le parti, ovvero i due club, sono sempre più vicini e la distanza ormai è davvero minima. Dopo giorni di trattative e di tira e molla siamo arrivati al momento decisivo. La chiusura totale può arrivare davvero a brevissimo, magari già domani o venerdì. Giacomo Raspadori è pronto per fare il grande salto e giocare anche in Champions League. Spalletti spera di poter contare prestissimo su un giocatore duttilissimo, che può fare sia il vice-Osimhen (in attesa anche di Simeone) che dare il cambio a Kvaratshkelia sulla fascia o magari giocare sulla trequarti alle spalle della punta in un 4-2-3-1. Dovrà guadagnarsi i galloni da titolare, ma visto il numero enorme di partite da giocare in questa stagione, avrà sicuramente il suo spazio in ogni caso.