Vlahovic suona la carica: “Trenta gol e scudetto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:31

Arrivato lo scorso gennaio come colpaccio invernale della Juventus, Dusan Vlahovic ha convinto a metà nei primi mesi alla corte di Allegri ma ora è pronto e carico per dire la sua 

Dusan Vlahovic è stato il colpo più importante dell’ultima campagna acquisti invernale in Italia. Il suo passaggio dalla Fiorentina alla Juventus ha smosso gli equilibri della Serie A e quelli interni dei bianconeri che hanno trovato un bomber prolifico che prima mancava, seppur in un’alternanza di alti e bassi che a Firenze non si era vista. I numeri del serbo classe 2000 hanno però tutte le carte in regola per migliorare e lo stesso calciatore si da una carica molto forte direttamente da Dallas in un’intervista a ‘La Gazzetta dello Sport’.

Vlahovic: "Voglio 30 gol"
Dusan Vlahovic © LaPresse

Allegri e la Juventus chiedono prima di tutto gol a Vlahovic che non si tira indietro: “Negli ultimi dieci-dodici anni il capocannoniere non ha mai vinto lo scudetto, però c’è sempre una prima volta, no? Gli obiettivi di squadra vengono prima di quelli personali, è più importante che la Juve vinca, ma se faccio 30 gol e diventiamo campioni d’Italia per me va benissimo così. Non è stata una scelta difficile perché la Juve è una società gloriosa. Sono cresciuto con l’obiettivo di diventare un vincente e farò di tutto per entrare nella storia della Juve”.

Vlahovic per arrivare all’obiettivo dei 30 gol passerà inevitabilmente anche dagli assist di Di Maria: “Quando ho saputo che sarebbe arrivato ho subito pensato a quanti gol e assist possiamo fare insieme, perché anche io voglio far segnare lui. È uno degli esterni più forti degli ultimi 20 anni. Fino a poco tempo fa questi campioni li vedevo in tv, giocare con loro era il mio obiettivo quando ero bambino”. Sul paragone scomodo con Lewandowski invece: “Lui ha fatto una valanga di gol, non mi piace paragonarmi a nessuno. Io sono solo all’inizio, posso solo lavorare nella speranza di poterli raggiungere”.

Tanta carica dunque per Dusan Vlahovic, pronto a lasciarsi alle spalle i primi mesi di avventura ala Juventus, col chiaro obiettivo di alzare il tiro delle prestazioni sia personali che di squadra e provare a vincere.