Rocchi promuove gli arbitri: “Stagione che fa ben sperare”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:32

Il designatore degli arbitri di Serie A e B, Gianluca Rocchi, ha rilasciato delle dichiarazioni su numerose tematiche: le sue parole

Gianluca Rocchi a tutto tondo. Il designatori degli arbitri di Serie A e B ha affrontato vari temi riguardanti la classe arbitrale, a margine del seminario “Arbitrare in tempo di Var” organizzato da AIA, USSI e AST. Commento, innanzitutto, sul lavoro svolto dai direttori di gara nella stagione da poco terminata.

Rocchi
Gianluca Rocchi © LaPresse

L’annata è stata indubbiamente positiva e ci fa ben sperare per il futuro, perché stiamo investendo tanto su un gruppo di ragazzi giovani. Almeno dalle prime risposte che ci hanno dato, sembrano propensi a diventari arbitri importanti in futuro”. Sulle critiche per le scelte: “Se arrivano perché ho puntato molto sui profili giovani me le prendo di buon grado anche per il futuro in caso“.

Gli errori, però, non sono mancati: “Sicuramente potevamo gestire meglio alcune cose. Sono stati commessi degli erroir più per mancanza di concentrazione o per superficialità e questi mi hanno fatto arrabbiare. Ovviamente è mia la colpa, visto che sono il responsabile. Cercheremo di migliorare su questo dettaglio“. Prosegue, poi, soffermandosi su uno degli aspetti positivi: “I ragazzi stanno arbitrando utilizzando lo stile europeo, che è ciò che gli avevo chiesto io a inizio stagione. Questo perché i nostri migliori arbitri devono tornare ad esserlo pure fuori dall’Italia. La comunicazione arbitro-Var è ciò su cui dobbiamo lavorare di più. Non è stata corretta, perciò credo che ci concentremo di più su questo“.

Rocchi: “Se una donna arbitrerà in Serie A sarà per merito”

Rocchi
Gianluca Rocchi © LaPresse

Rocchi si è espresso anche sulle novità in vista della prossima stagione: “Ne parleremo dal 2 luglio in avanti. Oggi non potrei dare risposte ufficiali, perché oggettivamente ricopro questo incarico fino al 30 giugno. Le novità ci saranno, le regole attuali non le stravolgeremo. Proseguiremo al 100% la strada che abbiamo tracciato. Ho fiducia nei ragazzi, sono convinto che le cose positive che abbiamo visto quest’anno diventeranno ottimali nei prossimi 2-3 anni“.

Alla domanda se ci sarà un’ulteriore specializzazione sul Var, l’ex arbitro ha così risposto: “Certamente. Stiamo lavorando in questa direzione. Uno dei nostri obiettivi è dividere le due categorie, in maniera totale. Se le nostre idee ci daranno ragione, entro 2-3 anni avremo un corpo specialistico di 7-8 elementi che potrebbe essere davvero di grande supporto. Le pretese sono aumentate parecchio. Abbiamo ridotto il margine di errore del 90%, ma ci si concentra sul restante 10%“.

Infine, Rocchi parla della possibilità che rientri anche una donna tra gli arbitri di Serie A: “L’unica cosa che posso garantire è che se una donna arbitrerà in Serie A è perché lo avrà meritato. Su questo non ci sono dubbi. Sia dal punto di vista fisico che tecnico“.