CM.IT | Bernardeschi-Napoli, due ostacoli che bloccano affare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:45

I contatti tra il Napoli e Bernardeschi sono avvenuti sotto la direzione di Pastorello: al momento, però, affare in stand by

Federico Bernardeschi al Napoli è un’opzione di mercato assolutamente possibile. In una delle ultime uscite pubbliche, Aurelio De Laurentiis ha confermato di aver avuto contatti con il procuratore del giocatore cresciuto nella Fiorentina.

Federico Bernardeschi
Federico Bernardeschi ©LaPresse

Come noto, Bernardeschi lascerà ufficialmente la Juventus il prossimo 30 giugno: il suo agente Federico Pastorello sta cercando la migliore soluzione possibile per mantenere alti gli standard di competitività ed anche economici per il proprio assistito. La richiesta è stata di 3 milioni più bonus: De Laurentiis si è detto interessato a continuare la trattativa, il patron azzurro ha messo da tempo gli occhi su Bernardeschi e ne apprezza anche la potenziale duttilità in attacco.

Bernardeschi
Bernardeschi ©LaPresse

Cessioni ed ingaggi: i freni all’azzurro

Per Bernardeschi, Napoli può rappresentare la tappa di un rilancio fondamentale dopo l’esperienza la Juventus che ha regalato titoli ma relative soddisfazioni sul piano personale. Il giocatore ha bisogno di trovare continuità di utilizzo anche per riconquistare stabilmente la maglia dell’Italia, tornando ad imporsi nuovamente sul palcoscenico nazionale ed internazionale. Sotto questo punto di vista, il Napoli rappresenta il club adatto.

Al momento, però, la società non può formalizzare passi verso Bernardeschi senza mettere prima un altro tassello fondamentale. C’è l’assoluta necessità della cessione di uno tra Politano e Lozano. Se la situazione del messicano sembra maggiormente cristallizzata, quella dell’ esterno ex Inter potrebbe avere una maggiore instabilità. Eventuali offerte che possano arrivare dall’Italia o dall’estero e che consentono al Napoli anche di monetizzare sulla cessione di Politano, di fatto aprirebbero le porte a Bernardeschi.

A quel punto, l’ha superato il secondo ostacolo. Il Napoli sta mantenendo un tetto salariale piuttosto rigido, De Laurentiis nel primo incontro si è fermato ad un’offerta di 1.8 milioni di euro più bonus. La richiesta di 3 milioni fatta da l’entourage e piuttosto lontana, ma la volontà delle parti potrebbe prendere a far appianare questa distanza.